Cionek sicuro: "Invertiremo questo trend", intanto si ferma Chochev

Il difensore ammette: "L'ultimo posto pesa e dà fastidio, ma lavorando duro scaleremo la classifica. Corini? E' l'uomo giusto perchè conosce l'ambiente e ci trasmette grinta". Distorsione alla caviglia per il centrocampista: a rischio per Genova

Cionek in azione contro il Chievo - foto Fucarini

“L’ultimo posto pesa e dà fastidio. Lavoreremo ancora di più per invertire questo trend negativo”. Thiago Cionek è sicuro: solamente attraverso il duro lavoro questo Palermo può riuscire a scalare una classifica, che giornata dopo giornata, sembra essere una montagna sempre più alta e sempre più ripida.

Dopo essere intervenuto in conferenza stampa, il difensore brasiliano (naturalizzato polacco) è sceso in campo insieme al resto del gruppo per preparare il delicatissimo impegno di domenica sera contro il Genoa. Proprio a Marassi, lì dove tutto è iniziato. E' bastato un gol allo scadere di Bruno Fernandes per spegnere l’animo di una squadra che mai come prima di quella partita sembrava poter rinascere. E chissà che non sia proprio in quello stesso stadio, ma contro il Genoa, che il Palermo possa iniziare la propria ribalta. Anche perchè “fuori casa – dice Cionek – paradossalmente giochiamo meglio. Abbiamo vinto a Bergamo e stavamo per vincere contro la Samp. Dispiace aver preso gol all’ultimo contro la Fiorentina, ma il fatto di giocare un buon calcio lontano dalle mura amiche non è un aspetto poi così negativo. Contro il Chievo c’erano tutti i presupposti per vincere la prima partita al Barbera, ma purtroppo le cose non sono andate per il verso giusto”.

Rosanero agli ordini di Corini fatta eccezione per Gonzalez, Rajkovic, Aleesami, Trajkovski Andelkovic e Chochev (quest’ultimo infortunatosi alla caviglia destra dopo il match col Chievo). Dopo una buona mezz’ora passata in sala video ad analizzare errori ed eventuali modifiche da apportare, Corini ha disposto i suoi uomini in gruppi per il classico “torello” in modo tale da far girare la palla il più velocemente possibile.

Cionek-2"Il fatto che il mister conosca la piazza - confessa Cionek - penso sia un grande vantaggio. Ho sentito parlare molto bene di lui. In questo momento sta cercando di trasmetterci quell’energia adatta per poter ripartire. Ci stiamo cimentando in nuovi concetti e nuove idee di gioco. Stiamo vedendo dove e come poter migliorare nel minor tempo possibile. L’errore di Goldaniga contro il Chievo? Non pensiamoci più. Non prestiamo attenzione agli errori individuali, ma alle disattenzioni collettive. Goldaniga è un giocatore importante per noi e l’unica cosa da fare è dimenticare quanto successo”.

Sarà fondamentale per questo Palermo saper sfruttare tutte le occasioni possibili soprattutto in contropiede. C’è bisogno di maggiore imprevedibilità e più velocità per riuscire a far male alle difese avversarie. Ecco perché il tecnico rosanero per gran parte della seduta ha disposto i suoi uomini in situazioni di due contro due. I centrocampisti devono essere gli attaccanti in più di questo Palermo: è questo il pensiero di Eugenio Corini. Henrique e compagni di reparto dovranno essere bravi ad accompagnare l’azione offensiva. L’ultima idea del tecnico rosanero potrebbe essere quella di ripartire dal 3-4-2-1, col doppio trequartista dunque. E' questa la formazione scelta da Corini nel corso della partitella di fine allenamento a campo ridotto vinta per 1-0 dagli uomini con la pettorina grazie al gol di Nestorovski. Il macedone è determinante anche in allenamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento