"Calci vostri", Palermo nel destino del catanese Cammarata: "Tutto cambiò dopo Raciti"

Emozioni, aneddoti e retroscena sono condensati nel libro (edito da A&G) presentato ieri al Pmo Coworking. Dal rapporto burrascoso con Lo Monaco all'abboccamento con Zamparini. E poi tanti ricordi: "Indimenticabile il gol di Mascara da centrocampo nel derby"

Claudio Cammarata

C'è pure Palermo nel destino sportivo del catanese Claudio Cammarata. E una data spartiacque: 2 febbraio 2007, il giorno infausto del derby Catania-Palermo, culminato con la morte dell'ispettore Raciti. "Ho capito cosa significa il calcio a certi livelli in occasione di quel tragico evento. Nella mia carriera di dirigente c'è un prima e un dopo Raciti" dice Cammarata, all'epoca dei fatti delegato alla sicurezza del Catania.

Emozioni (non solo negative), aneddoti e retroscena sono condensati nel libro "Calci vostri" - edito da A&G - presentato ieri al Pmo Coworking di via Principe di Belmonte. Un volume che Cammarata ha scritto da battitore libero. Un campionario di vita vissuta, dentro il campo e dietro una scrivania, che parte dall'oratorio dei Salesiani di Cibali e arriva allo stadio "Massimino". "Da calciatore ho militato massimo in serie D, da dirigente sono arrivato in A". Nel racconto spiccano anche personaggi con un certo peso specifico: uno di questi è Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania che nel 2015 ha fatto capolino anche a Palermo. "Lo Monaco - racconta Cammarata - è un 'padre padrone'. Con Pulvirenti era il dominus incontrastato, discorso diverso con Zamaparini e Preziosi nelle sue esperienze col Palermo e il Genoa". 

calci vostri-2Al Catania, il rapporto tra Lo Monaco e Cammarata s'incrina proprio per questioni d'incompatibilità caratteriale. "E dire - sottolinea l'attuale dirigente del Licata - che all'inizio quando lui era al Brescia e io all'Atletico Catania c'era una bella intesa. Come in occasione dell'operazione che portò Franco Lerda dalla squadra lombarda in Sicilia. Con lui in attacco abbiamo sfiorato la promozione in B...". Atletico Catania fa rima con Franco Proto, presidente che ha portato la squadra catanese dalle stelle alle stalle: "E' l'unico presidente che nel calcio professionistico ha subito due radiazioni: con l'Atletico Catania e più recentemente con l'Acr Messina".

Come in un'altalena, testimonianze dirette e ricordi vanno su e giù. E incrociano, ancora una volta, Palermo. "Indimenticabile il gol di Mascara da centrocampo nel derby". I rosanero mettono lo zampino anche nel giorno in cui Cammarata ha compiuto 50 anni: "Un compleanno rovinato da una sconfitta del Catania". Correva l'anno 2012. Poco tempo dopo, nel 2015, quell'abboccamento con la società di viale del Fante: "Ci furono dei contatti - conclude Cammarata - ma non si è arrivati al matrimonio". Questione di destino.

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ma basta!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Cronaca

    Loggia segreta, indagato l'ex rettore Lagalla: in manette anche un poliziotto in servizio a Palermo

  • Politica

    Rifiuti, la promessa dell'assessore: "Così usciremo da emergenza che dura da 30 anni"

  • Cronaca

    Bellolampo, scongiurata l'emergenza: si continua a conferire i rifiuti nella sesta vasca

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento