Il botto di fine anno è di Falletti: Cittadella ko, il Palermo non si ferma più

Pomini e i legni spingono Stellone verso il tredicesimo risultato utile di fila. Decide un lampo dell'uruguaiano a inizio ripresa. I rosanero - sempre più primi - chiudono il girone d'andata a quota 37

Soffre, dà l’impressione di cedere da un momento all’altro e invece con il minimo sforzo riesce comunque a chiudere l’anno solare coi botti. Vittoria di misura, ma pesantissima per il Palermo sotto gli occhi del neo amministratore delegato Emanuele Facile. Oggi però è stato tutto tranne che facile. Uomini di Stellone a tratti in apnea contro un Cittadella che in questi mesi si è preso l'appellativo di “sorpresa del campionato cadetto".

Veneti assiduamente vicino al vantaggio sia nel primo tempo che a inizio ripresa, devastanti in determinate occasioni, eppure a far festa è proprio il Palermo. Superlativo Pomini, decisivo invece Falletti. Suo il gol che vale il titolo di campione d’inverno, rosa a quota 37 punti in classifica, e adesso la Serie A dista soltanto un altro “girone”. 

Come annunciato in piena vigilia il tecnico rosanero vola alla volta di Cittadella con il classico ma mai banale 4-3-1-2. Tutta un’altra cosa però rispetto al match di pochi giorni fa del Barbera con l'Ascoli, perché in questo abito cucito ad hoc da Stellone per il Tombolato c’è spazio anche per chi in questa prima parte di stagione ha faticato a trovare spazio: ovvero Pirrello in difesa (ma in ottima compagnia di Bellusci, uno dei più positivi per grinta). Senza Aleesami e Mazzotta, Stellone lancia in campo Szyminski, mentre a destra c’è Salvi pronto a sfidare il suo più grande passato per 90 minuti. Jajalo, Chochev e Murawski in mezzo al campo, più muscoli che qualità quest’oggi al servizio dei rosa. Peculiarità che emerge soprattutto sulla trequarti dove ancora una volta giocano l’uno al fianco Trajkovski e Falletti. Moreo unica punta. L’ex Venezia è come un faro per chi naviga in mare: un vero e proprio punto di riferimento per i suoi compagni di squadra lì davanti. Ma i primi 20 minuti danno meno ragione a Stellone e più invece al modulo a specchio scelto da Venturato.

Rosa aggrediti fin da subito da un ferocissimo Cittadella. Si sentono e come le assenze, specialmente quella di Rajkovic. Perché senza la stazza e i muscoli del difensore serbo rischia di diventare tutto più complicato. Un susseguirsi di brividi in difesa per gli uomini di Stellone, decisivo Pomini e il fattore “c". Granata pericolosi specialmente con Panico e Finotto, bravi a raccogliere cross provenienti da un po’ tutte le parti. Disattenta la difesa dei rosa, ma attentissimo invece Pomini che al 35’ apre il mantello e chiude la porta a Panico. Squillo rosa al 43’ con Trajkovski, si oppone Paleari. 

La sagra dei brividi continua anche nei primissimi minuti della ripresa, con il Cittadella che coglie due pali con Panico e Adorni. Poi però al 51’ il Palermo sblocca la partita. Pressing feroce di Trajkovski che spezza in due la difesa avversaria granata, poi il macedone serve Falletti e da due passi guarda l’uruguaiano fredda Paleari. Urlo di liberazione per Stellone. Perché il graffio improvviso dà improvvisamente tutto un altro indirizzo al match. Da qui alla fine infatti succede davvero pochissimo. Contrariamente a quanto visto nel primo tempo, il Cittadella prova a far male ai rosa timidamente, mentre il Palermo – rinvigorito dal gol di Falletti – riesce a gestire il pallone e i ritmi del match. Il triplice fischio dell’arbitro dà ragione alla grinta e all’esperienza della corazzata di Stellone, che trova il tredicesimo risultato utile di fila. Il Palermo tornerà in campo il 18 gennaio quando al Barbera arriverà la Salernitana.

Tabellino e pagelle

Marcatori: Falletti 51’;

CITTADELLA: Paleari, Ghiringhelli, Adorni, Drudi, Benedetti, Settembrini, Iori, Branca (65’ Malcore), Siega (80’ Bussaglia), Finotto, Panico (65’ Proia). Allenatore: Venturato. 
PALERMO: Pomini 6,5, Salvi 5,5, Bellusci 6, Pirrello 5,5, Szyminski 5,5, Murawski (86' Fiordilino), Jajalo 6, Chochev 6 (75' Haas s.v.), Falletti 7 (80' Puscas s.v.), Trajkovski 6, Moreo 6,5. Allenatore: Stellone 6
ARBITRO: Gianluca Aureliano 6
NOTE – ammoniti: Adorni 37’; Benedetti 53’; Settembrini 82’ 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • Incidente in moto, morto cuoco palermitano di 36 anni a Padova

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • "Tale e quale show", palermitana stupisce tutti con l'interpretazione di Lady Gaga

Torna su
PalermoToday è in caricamento