Chievo-Palermo 1-1, pareggio inutile: serie A addio | Cronaca e pagelle

Funerale rosa al Bentegodi: la sblocca Pellissier dal dischetto, poi pareggia Goldaniga. Dopo 3 anni il Palermo ripiomba in B. E il futuro sembra un rebus impossibile da decifrare

Il Palermo retrocede in B. L'ufficialità arriva in un grigio pomeriggio veronese, al termine di una partita senza senso. Noiosa, piatta, inutile. Il Chievo, senza strafare, ha dato l'ultima spallata ai rosanero, quella utile per spalancare le porte dell'inferno. Al Bentegodi va in scena il funerale rosa. Goldaniga evita la ventiquattresima sconfitta in campionato ma l'1-1, dopo il penalty di Pellissier, non serve a nulla. Il Palermo ha giocato sapendo che sarebbe uscito dal campo con la retrocessione matematica in tasca. Così è entrato in campo solo per onor di firma, scuotendosi solo negli ultimi minuti. No, non era questa la "partita della vita", quella in cui costruirsi le possibilità di salvezza.

Il Palermo in realtà è retrocesso da mesi. E il ritorno in B è figlio di uno scellerato mercato estivo, cui ha fatto seguito un'inesistente sessione invernale. Bilanci e processi che però sono inutili da fare adesso. Il Palermo torna in B dopo tre anni, ma nel 2013 fu una retrocessione meno traumatica. Perché finire tra i cadetti con Dybala ed Hernandez è una cosa, dover ripartire con Sallai e Balogh è un'altra. Il futuro rosanero è un rebus, che le supercazzole di Baccaglini non aiutano a decifrare.

Raccontare la partita di oggi è difficile. Uno dei momenti più vivaci è stato quando Inglese è entrato duro su Gazzi, in uno dei rari contrasti di gioco. Il mediano rosa - imbracato in barella - è stato portato via in ambulanza, dopo un brutto infortunio alla spalla, che ha fatto scattare uno stop di 5 minuti. Eravamo a inizio ripresa. Prima non era successo praticamente nulla. Tanti errori, sbadigli, tocchetti orizzontali, rimpalli e giocate scolastiche.

Bortoluzzi si è presentato al Bentegodi con il 4-3-3. Senza Nestorovski in avanti hanno giocato Aleesami e Sallai in appoggio al falso nove Diamanti. Ma la voglia di far male al Chievo e ribaltare un destino già segnato, si è scontrata sin da subito con le notizie sputate fuori dalle radioline. L'Empoli ha iniziato a disintegrare il Bologna già nel primo tempo, issandosi in fretta a +12. Una distanza impossibile da ricucire, e per capirlo non basta essere esperti di matematica. Il Palermo segue un solo copione: cerca di sfondare sulla sinistra con Aleesami, ma è Sallai il più pericoloso (bravo Sorrentino nell'unico tiro verso la sua porta).

Nel secondo tempo Maran ha tolto Izco e messo dentro Inglese. Un attaccante al posto di un centrocampista. E proprio le due punte hanno sbloccato la partita. Su errore di Jajalo, Inglese si è involato verso Fulignati, per poi essere steso ingenuamente da Henrique. Rigore di Pellissier, gol del Chievo. Poi Sorrentino dice tre volte di "no", inchinandosi solo nei pressi del 90', su blitz di Goldaniga. Gol inutile, che non rende meno amaro il pomeriggio del Bentegodi. Nel quale il Palermo saluta la A. Sperando che sia un arrivederci e non un addio.

CLICCA SU CONTINUA PER TABELLINO E PAGELLE

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    A quando a quando goldaniga finalmente ha capito qual'era la porta giusta....fino ad ora si era sempre fatto autogol...comunque vedrete che sti cataplasimi non li vuole nessuno.

  • Finalmente siamo in serie B, era questo il progetto che si erano prefissati a inizio anno e ci sono riusciti. Ma di una cosa non hanno fatto i conti. Mentre noi continuiamo a essere una delle tifoserie MIGLIORI di Italia, la nostra società, con Maurizio Zamparini in primis, è composta da gente che ha FALLITO sotto ogni punto. Nulla da dire ai giocatori che in fin dei conti, avrebbero avuto pure tanti problemi in Lega Pro, figuriamoci in serie A. Gente tipo Chocev, Balogh, Arteaga, Silva e compagnia varia, sono il frutto del lavoro di gente che solo Zamparini poteva assumere. Adesso aspettiamo il closing. Ci sono 2 possibilità, la prima è che il Palermo viene ceduto, e gli slavi se ne ritornano da dove sono venuti, insieme a sti 4 scanfazzi ri iucatura ca pigghiaru o mercatinu. La seconda è che era tutta una presa in giro e il Palermo resta a Zamparini, ma qua Baccaglini farebbe una figura di m..... e sinceramente x quanto soldi gli abbia potuto dare Zamparini, la dignita vale di più. E x finire, noi citta da 1 milione e mezzo di abitanti, siamo in serie B, e la Spal, che più o meno conta 135 mila persone è in serie A. Ma la differenza sta nel fatto che loro hanno una società seria, mentre la nostra è piena di cocò.

  • la rabbia è finita.rimane solo tanta tanta tristezza.

  • Articolo impeccabile. Come ho scritto varie volte, la colpa della retrocessione è tutta di zamparini, e non capisco cosa passi nella testa dei tifosi che parlano ancora di "riconoscenza". Il credito è finito da tempo: zamparini ha preso in giro i tifosi della squadra una PRIMA volta, perseguendo in modo SISTEMATICO la retrocessione, mediante campagne acquisti di puro smantellamento; e li ha poi presi in giro una SECONDA volta, inscenando questa ignobile farsa della cessione all'imprenditore venuto dall'ameriga...è palese, infatti, che l'affare baccaglini puzza di mascalzonata, il fetore si sente da un miglio di distanza. I rapporti possono finire, ma l'importante è che non vengano meno il rispetto e l'onestà, come è accaduto e sta accadendo in questo caso: era chiaro, infatti, che il veneto si era stancato da tempo del giocattolo-Palermo calcio, ma ciò che ha fatto è -dal punto di vista sportivo - imperdonabile, proprio perché ha preso apertamente in giro i tifosi. L'esempio più palese della malafede del (quasi ex??) presidente si è avuto in estate, quando sono stati mandati via tutti (TUTTI!) i giocatori che avevano consentito la miracolosa salvezza dell'anno passato.

  • finalmente ci siamo tolti un peso e zamparini ha ottenuto il suo obiettivo di inizio campionato,complimenti!!!!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La strage senza verità, Palermo non dimentica Borsellino e i suoi angeli | Diretta

  • Politica

    Strage di via D'Amelio, Mattarella: "Non smettiamo di cercare la verità"

  • Video

    Incidente sulla Palermo-Mazara, scontro autocisterna-jeep: traffico in tilt | VIDEO

  • Cronaca

    Da Ballarò a Cefalù per spacciare eroina, coca e crack ad adolescenti: 5 arresti

I più letti della settimana

  • Rissa alla piscina comunale, moglie aggredisce presunta amante del marito

  • Mafia, 28 arresti e sequestri per milioni di euro: fermato il "tesoriere" di Cosa nostra

  • Mafia, "Operazione Delirio": i nomi degli arrestati e la lista dei beni sequestrati

  • Villagrazia, pitbull azzanna una ragazza e le stacca un braccio a morsi

  • Bar e centri scommesse per riciclare i soldi della mafia, la regia del "cassiere" Corona

  • Tragedia in via Di Marco, esplode bombola da sub: morto un 54enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento