Palermo: rallenta la trattativa con Preziosi, e Follieri torna alla carica

Il presidente del Genoa vorrebbe riuscire a vendere il club ligure. Così l'imprenditore palermitano sarebbe pronto ad ascoltare l'italo americano. Intanto emerge un retroscena: la richiesta per il prolungamento del diritto di prelazione risalirebbe a più di una settimana fa

Dario Mirri

La trattativa per la cessione del Palermo torna in fase di stallo. Ieri i contatti con Preziosi hanno subito un rallentamento. Ma l'imprenditore Dario Mirri, di ritorno dalla missione a Milano, però non intende assolutamente alzare bandiera bianca, l’attesa si protrarrà fino all’ultimo istante. E cioè fino alla scadenza del diritto di prelazione prevista per il 13 marzo. Precisazione: la famosa richiesta di proroga inviata da Mirri al Palermo che tanto ha fatto scalpore non risalirebbe alle ultime ore, ma al giorno in cui l’imprenditore palermitano ha ricevuto (in ritardo) gran parte della documentazione richiesta il 17 febbraio. E intanto Follieri torna nuovamente alla carica: riallacciati i rapporti con Mirri.

Si era quasi arrivati a un punto di svolta (o almeno così sembrava) e invece l’unica certezza maturata a Milano - più che una sensazione -  è che se mai qualcosa dovesse sbloccarsi sarà solo e soltanto a ridosso del gong finale. Tante, troppe chiacchiere da parte di chi finora si è sempre mostrato interessato a trattare con Mirri per salvare il Palermo. Pare infatti che Preziosi stia meditando di cedere il Genoa prima ancora di intraprendere una nuova avventura, così il consorzio che si stava cercando di modellare attorno al patron del club ligure potrebbe anche svanire nel nulla.

Mirri, che non intende affatto gettare la spugna, nei prossimi giorni proverà comunque a fare il possibile per tirar fuori dal cilindro il principe rosanero. Perché a questo punto soltanto un mago potrebbe riuscire a sgarbugliare questa matassa. Il tempo d’altronde sembra essere proprio tiranno. Sia per Mirri che per il club rosanero. Anche e soprattutto per questo l'imprenditore palermitano proverà nelle prossime ore a riascoltare anche Raffaello Follieri. L’imprenditore pugliese in giornata potrebbe fornire alcune garanzie necessarie a Mirri per potersi quantomeno sedersi a parlare.

E da viale del Fante intanto inspiegabilmente lasciano intendere di poter – o a questo punto voler - fare a meno del supporto di Dario Mirri. Un’ulteriore conferma del fatto che Foschi forse preferisca davvero farsi carico personalmente di questa patata bollente. Con annessi rischi e pericoli naturalmente. E a questo punto diventa davvero difficile supporre che Mirri decida di immettere altro denaro per far fronte ai pagamenti di marzo. L’email inviata dal direttore generale della Damir dove si chiedeva un prolungamento del diritto di prelazione risalirebbe a più di una settimana fa e non alle ultime ore. Per esattezza al giorno in cui Mirri e Sagramola riescono finalmente a entrare in possesso di una prima parte della documentazione richiesta dall’imprenditore palermitano per poter intraprendere un qualsiasi tipo di trattativa.

Documenti arrivati con ben quattro giorni di ritardo da quel famoso contratto stipulato nella tarda serata del 17 febbraio per scongiurare l’incombenza stipendi. Foschi, o chi per lui, però non avrebbe mai avuto alcuna intenzione di concedere qualche giorno di proroga a Mirri, nonostante sia sempre stato consapevole del fatto che il posticipare la consegna dei documenti abbia in qualche modo tolto del tempo prezioso a Mirri e a tutto il suo team.  
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Qubit dimmi dall'alto della tua proverbiale disamina della situazione "al posto di Mirri tu cosa avresti fatto avresti investito oppure te ne saresti lavate le mani perchè il rischio fallimento o radiazione era troppo elevato?" Taci e pensa prima di sparare fandonie

  • Ma questo Mirri che ruolo ha?

    • Ha il ruolo di colui che ha sborsato del denaro, per evitare la penalizzazione della squadra, e non intende perderlo con l'eventuale fallimento della società. Foschi ed il suo capo sono sereni perchè, a questo punto, non hanno nulla da perdere.

      • Attraverso quale diritto?

  • E' assurdo, ridicolo. Questo povero cristo sta facendo i salti mortali per salvare la squadra e i porci che si mettono nelle poltrone non hanno nessun riguardo nei suoi confronti, tra tagliarlo fuori dopo che ha salvato la squadra da una penalizzazione grave e dargli i documenti che gli spettano in ritardo. Una vergogna. Fa bene a non mettere altri soldi, una dirigenza (se così si può chiamare) così indecente merita tutto questo. Fossi in Mirri me ne andrei a casa mandando tutti ***  e presenterei il conto e pure salato se possibile

    • I salti mortali sono funzionali ad evitare la perdita del denaro anticipato.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Cronaca

    Loggia segreta, indagato l'ex rettore Lagalla: in manette anche un poliziotto in servizio a Palermo

  • Politica

    Rifiuti, la promessa dell'assessore: "Così usciremo da emergenza che dura da 30 anni"

  • Cronaca

    Bellolampo, scongiurata l'emergenza: si continua a conferire i rifiuti nella sesta vasca

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento