Miccoli: "Tornare al Palermo? Mai finchè ci sara Zamparini presidente"

L'ex capitano rosanero ospite della "Molo19 Conference" a Cefalù. "Con la maglia rosanero ho provato emozioni che soltanto io posso capire. Io allenatore, preferisco direttore sportivo". E Baccin rivela: "Stavamo per prendere Milik..."

Fabrizio Miccoli con la maglia rosanero

“In futuro di nuovo a Palermo? Fino a quando ci sarà Zamparini no. Nella vita, però, mai dire mai. Quando ci sarà un nuovo presidente magari… Al momento - precisa - preferisco non parlare del patron friulano”. Parole chiare e concise quelle dell’ex fantasista del Palermo Fabrizio Miccoli che dopo un lungo silenzio è tornato nuovamente a parlare della sua avventura in Sicilia. Lo ha fatto in occasione della "Molo19 Conference" a Cefalù.

“Palermo mi ha sempre affascinato - spiega - sia come città che come squadra. Con la maglia rosanero ho provato emozioni che soltanto io posso capire. Ho dato tutto me stesso per questi colori e per questa città. Ricordo con molto piacere il gol segnato da centrocampo contro il Chievo, anche se la rete siglata nel derby contro il Catania ha un sapore particolare. Fortunatamente ho ottenuto ottimi risultati e a oggi posso dire di non avere alcun rimpianto in merito alla mia avventura in Sicilia. Futuro? Ho aperto una scuola calcio a Lecce così da potermi dedicare pienamente ai ragazzi. Nonostante abbia già il patentino non penso che allenerò mai una squadra di calcio. A dire il vero mi piacerebbe diventare procuratore sportivo”.

Dopo il Romario del Salento è stato il turno del responsabile del settore giovanile Dario Baccin ormai un veterano del club rosanero visti i suoi cinque anni trascorsi in Sicilia. “Sono contento di aver conseguito risultati importanti in questi ultimi anni. Con Bosi – afferma Baccin – abbiamo iniziato un lungo percorso. E’ chiaro, siamo ancora all’inizio, ma la strada intrapresa ci lascia ben sperare. Abbiamo lanciato in prima squadra giovani interessanti come Lo Faso, Pezzella e Fulignati che senza ombra di dubbio diventeranno giocatori importanti. Rimpianti? Siamo stati a un passo dall’acquistare Milik ai tempi in cui ancora giocava in Polonia. Peccato, sarebbe stato un gran colpo per il Palermo. Futuro? E’ ancora prematuro parlare di queste cose. Sto benissimo a Palermo e non penso proprio di voler andare via. Dario Baccin, così come l’attuale ds del club di viale del Fante Daniele Faggiano, in passato ha lavorato a stretto contatto con Giorgio Perinetti, che in Sicilia ha sicuramente lasciato un bel ricordo.

Anche l'ex diesse era presente a Cefalù. “A Palermo ho vissuto annate importanti. Zamparini per diverso tempo mi ha proposto di venire a lavorare in Sicilia, rifiutai il Milan - rivela Perinetti - pur di venire a Palermo. Subito dopo aver conquistato la promozione in serie A, però, il presidente rosanero è stato totalmente stregato da Pietro Lo Monaco che dopo poche giornate dall’inizio del campionato ha preso il mio posto”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento