Consegnato il "Cannavò" a Cecchinato: "Emozionato e felice, 2018 anno da ricordare"

Consegnata al tennista palermitano la targa che l’Ussi gli ha assegnato per la categoria più prestigiosa dei Premi dell’Anno. La breve cerimonia si è tenuta sul campo centrale in terra rossa del Tc2

Nino Randazzo premia Marco Cecchinato

E' stata consegnata a Marco Cecchinato la targa che l’Ussi gli ha assegnato per la categoria più prestigiosa dei Premi dell’Anno, quella intitolata al ricordo del direttore della Gazzetta dello Sport Candido Cannavò. A consegnare al tennista palermitano, vincitore del premio “per l’impresa compiuta”, la targa sono stati il segretario regionale dell’Ussi Nino Randazzo e il presidente della sezione di Palermo Valerio Tripi. La breve cerimonia si è tenuta sul campo centrale in terra rossa del Tc2, il circolo palermitano di via San Lorenzo in cui Cecchinato ha mosso i suoi primi passi da tennista.

Marco Cecchinato ha vinto in carriera cinque challenger, ad aprile è stato il primo siciliano a trionfare in un torneo Atp aggiudicandosi il torneo di Budapest. Ha sorpreso l’intero mondo del tennis ed appassionato tutti gli sportivi italiani per la straordinaria impresa al Roland Garros: 40 anni dopo Corrado Barazzutti, ha portato l’Italia in semifinale battendo, nell’ordine, il rumeno Marius Copil, l’argentino Marco Trungelliti, lo spagnolo Pablo Carreno Busta, il belga David Goffen e l’attuale numero 1 al mondo, Novak Djokovic, giocando un tie break nel quarto set che è entrato di diritto nella storia del tennis. Si è arreso in semifinale, lottando alla pari per due set, all’austriaco Dominic Thiem. Dopo l’impresa al Roland Garros ha vinto il Torneo di Umago.

“Non tornavo da un anno a Palermo – ha detto Marco Cecchinato – per me è un’emozione fortissima tornare sui campi in cui sono cresciuto e trovarmi circondato da così tanti bambini. E poi è anche un’occasione per ritrovare tanti amici e vedere i parenti: è davvero tutto molto bello. Ringrazio l’Ussi per il premio che prima di me hanno vinto altri protagonisti siciliani dello sport. Nel mio 2018 ci sono stati momenti importanti, non solo la semifinale del Roland Garros, ma anche i due titoli Atp. Ci sono state tante prime volte in questo anno che sta per finire e ho raggiunto il best ranking con la diciannovesima posizione. Questo per me non deve essere un traguardo, non voglio accontentarmi, deve essere un punto di partenza. Per il 2019 mi aspetto un anno importante in cui lavorerò per confermarmi ad alti livelli. Abbiamo lavorato bene durante la preparazione, al mio fianco ho lo stesso team del 2018 e siamo tutti ottimisti. Auguro a tutti un buon natale e un felice anno nuovo”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "vampe" di San Giuseppe infiammano la città, a Ballarò arance contro polizia e vigili

  • Cronaca

    Padre e figlio freddati allo Zen, convalidato l'arresto del reo confesso

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento