Caso Calaiò, il Palermo resta in B: per il Parma solo un'ammenda

Nessun punto di penalizzazione per i ducali, ridotta la squalifica all'attaccante palermitano che non potrà giocare fino al 31 dicembre. Tornerà già all'inizio del 2019

Emanuele Calaiò

Un altro “no”, l’ennesimo in questa turbolenta estate del club rosanero. Questa volte a chiudere le porte della Serie A al Palermo è stata la Corte d’appello federale. Soltanto un’ammenda per il Parma. Presente Calaiò, dichiaratosi ancora una volta totalmente innocente, assente invece l’ormai ex presidente Giovanni Giammarva in seguito alle dimissioni arrivate nella giornata di ieri. “La Corte Federale d’Appello – si legge nel dispositivo dell’udienza – respinge il ricorso della società U.S. Città di Palermo”.

Una sentenza che era nell’aria nonostante l’ottimismo che trapelava dalle parti di viale del Fante e che dunque strizza l’occhio per così dire ancora una volta ai ducali, certi a questo punto di giocare nel massimo campionato italiano il prossimo anno. Ma a festeggiare è anche l’attaccante palermitano Calaiò. Ridotti i due anni di squalifica a soli quattro mesi. Il calciatore è stato squalificato fino al 31 dicembre. Per lui "semplice" ammenda di 30 mila euro- Al Parma ammenda di 20 mila euro e non punti di penalizzazione in Serie A.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Personalmente non seguirò più la serie A ma solo il Palermo. Per me i vari abbonamenti tv li possono buttare nel cesso.

  • La solita farsa...se Zampa continua a fare ricorsi finirà che penalizzeranno il Palermo!

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    Moggi aveva ragione.lui contro il sistema dello stato.

  • tutto già scritto,non vogliono il Palermo in A

  • Questo sport non mi appartiene più, ho usato l’unica arma di massa a mia disposizione.... disdetta pacchetto calcio su Sky!

  • zampa si vede che non conti

  • Fine della telenovela...

  • bravi ....⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️che giustizia ci faranno salire in serie A il prossimo campionato

  • insegnano ai giovani come ci si deve comportare da grandi, ma cosa ci si poteva aspettare il calcio e non solo... e' corrotto

  • buffonate

  • calcio corrotto giustizia inesistente vergogna vergogna sono schifiato

  • Avatar anonimo di Stefano
    Stefano

    Quindi compriamoci le partite , tra giocatori mettiamoci d'accordo così si sale...evviva la giustizia.... IL CALCIO VERO È FINITO

  • Avatar anonimo di KIWI
    KIWI

    Dice giusto il proverbio..... "Con l'amicizia si manda a fanc... la giustizia". Facciamo tesoro di queste VERGOGNOSE sentenze di Parma e Frosinone:  nel prossimo campionato getteremo palloni in campo durante le partite, intimideremo gli arbitri e contatteremo telefonicamente i giocatori avversari chiedendo loro di essere più morbidi contro di noi. In questo modo la serie A è già in tasca.  

  • bella la giustizia italiana.

  • Anche se avessi avuto ragione, caro Zamparini, ti avrebbero risposto sempre di no, perchè ricorda, "l'antipatia è peggio di una malattia". Puoi fare tutti i ricorsi che vuoi, ti risponderanno sempre di no.

  • l'ennesima pessima figura da parte dei vertici. indegni.

  • Che schifo....che giustizia sportiva indegna,che cosa ci potevamo aspettare da questo calcio corrotto,Ceravolo che guarda caso perde il cellulare la settimana dopo che scoppia lo scandalo degli Sms,siamo ancora indietro anni luce all’idea di un calcio pulito che destava attenzioni da tutto il mondo,Frosinone e Parma il prossimo anno in A sono lo specchio della poca civiltà e della poca serietà del massimo Campionato di serie A,è di tutta la lega in generale.La cosa bella è il giuramento di lealtà ad inizio stagione dei giocatori....SCHIFO

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Da anni oscuravano monumento": vigili ripuliscono la Cala, rimossi cartelloni pubblicitari abusivi

  • Cronaca

    Suggeriva i "trucchi" per ottenere il reddito di cittadinanza, licenziato dipendente del Caf

  • Cronaca

    Sesso virtuale con una ragazzina dodicenne: indagato palermitano

  • Sport

    Portò i marziani del tennis a Palermo: è morto Cino Marchese

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento