Playoff basket, equilibrio in Gara1: Agropoli batte l'Aquila Palermo

Un finale thrilling che sorride alla squadra di casa. Il primo atto delle finali playoff del girone D di Serie B va ad Agropoli, uscita vincitrice dalla prima battaglia del PalaDiConcilio con l'Aquila Palermo (72-70). Decisiva una tripla a 4 secondi dalla sirena

La panchina dell'Aquila Palermo

Un match all'insegna dell'equilibrio assoluto e un avvio a rilento, sbloccato dopo un minuto e mezzo dai piazzati di Rizzitiello e dalle penetrazioni di Romano, con Cozzoli e Marulli subito caldissimi dal perimetro. In generale si segna poco, anche grazie alla grande intensità delle due difese in campo (imperiosa la stoppata al vetro di Antonelli a metà quarto), con il primo periodo chiuso dalla tripla del primo vantaggio biancorosso di un ispirato Rizzitiello e i liberi di Cucco per il 18-17 dei primi 10 minuti. Alla fine il risultato è di 72 a 70.

L’Ammiraglio biancorosso (24 punti e 8 rimbalzi a fine gara) imperversa anche ad inizio secondo quarto, con cinque punti in apertura che spingono la squadra di Gianluca Tucci. Serino fa sentire il suo peso offensivo, mentre Cozzoli e Antonelli costruiscono il massimo vantaggio Aquila (+5), poi rimontato ancora dalla premiata ditta Marulli-Serino. Il punteggio rimane bloccato a lungo sul 26-27, salvo poi arrestarsi sul 34-31 con le squadre al riposo. Lo strappo di Agropoli arriva al rientro in campo, con un parziale che porta i cilentini di coach Paternoster sul +7, ma anche in questo caso la reazione di Aquila è perentoria con i liberi di Merletto e le ottime scelte al tiro di Giovanatto. I cambi di vantaggio sono repentini nel finale di terzo periodo, con il Pala Di Concilio a ribollire di tifo, sino alla tripla sulla sirena di Birindelli che piazza il +6, innescando l’esplosione del proprio pubblico.

Galvanizzata dai propri tifosi, Agropoli incrementa il vantaggio portandolo a 8 punti (63-55) a sette minuti dalla fine. La riscossa biancorossa arriva ancora con Giovanatto e Di Emidio, riportando il passivo ad un solo punto. Gli ultimi due minuti di gioco sono puro agonismo e tensione nervosa: Birindelli riporta i suoi avanti di cinque, mentre dall’altra parte Cozzoli ruba palla a metà campo finendo la sua corsa con una schiacciata che sa di schiaffo in faccia all’intero palazzetto. Rizzitiello appoggia al vetro i due punti del 69-70 a 24 secondi dalla sirena, ma è Marulli a piazzare la tripla del 72-70 con ancora 4 secondi da giocare. L'ultimo possesso muore in mano ai palermitani, con il Pala Di Concilio che implode definitivamente e con i giocatori cilentini a festeggiare la vittoria.

"Ci è mancato quel guizzo finale - ha commentato nell’immediato dopo gara l’allenatore di Aquila Palermo, Gianluca Tucci -. Dobbiamo essere un po' più umili nei momenti che contano, perché questa partita potevamo portarla a casa. Abbiamo fatto delle grandissime cose ma ci manca ancora qualcosina. Nei momenti in cui l'avversario stava tremando, forse, abbiamo avuto un pizzico di rilassatezza. E questo lo abbiamo pagato alla fine. Loro sono stati bravi ma anche fortunati, e non solo sul tiro di Marulli. Per esempio - ha concluso coach Tucci - ricordo un tiro da quasi dieci metri di Cucco. Quando perdi di due, a pochi istanti dalla fine, significa che hai avuto molta sfortuna. Ma siamo pronti per Gara2, e chiaramente andremo a correggere delle piccole ma fondamentali cose".

Finale Playoff Serie B – Gara1
Bcc Agropoli-Aquila Palermo 72-70
Parziali: 18-17, 16-14, 22-19, 16-20
Agropoli: Parrillo 5, Romano 11, Serino 13, Molinaro 2, Marulli 18, Cucco 10, Birindelli, Spinelli, Iurato, Palma. All. Paternoster;
Aquila: Cozzoli 11, Antonelli 4, Merletto 7, Rizzitiello 24, Giovanatto 13, Di Emidio 9, Caronna 2, Dragna, Gottini, Tagliareni ne. All. Tucci
Arbitri: Mauro Panzecchi, Aydin Azami.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento