Bando per il Palermo, Ferrero si tira indietro: "Non partecipo, in bocca al lupo a tutti"

Le motivazioni del presidente della Sampdoria: "Mi è parso che le condizioni proposte abbiano a che vedere più con un aspetto politico territoriale che non prettamente calcistico". Per partecipare al bando c'è tempo fino al 23 luglio: è sempre più testa a testa tra Mirri e Cairo

Massimo Ferrero in aeroporto a Palermo

A poche ore dalla presentazione del bando per il Palermo calcio, arriva l'ufficialità: Massimo Ferrero non parteciperà. Ad annunciarlo all'Ansa è il presidente della Sampdoria: "Prima che lo dicano gli altri - dichiara - lo comunico io per evitare speculazione o fraintendimenti". Ferrero motiva anche la sua scelta: "Mi è parso che le condizioni proposte abbiano a che vedere più con un aspetto politico territoriale che non prettamente calcistico. Il sindaco Orlando sta svolgendo al meglio il suo ruolo di primo cittadino in questa direzione. Il mio interesse per il Palermo Calcio non è di questo tipo: è passionale, manageriale, strutturale. Il mio obiettivo sarebbe stato quello di dare a questa squadra un ampio respiro sportivo nazionale, come racconta la sua stessa storia, oltre che locale".

Ferrero sbarca in aeroporto, dribbla la stampa ma parla con i passeggeri: "In città per il Palermo"

Solo mercoledì scorso il presidente della Samp è sbarcato a Palermo con un volo proveniente da Roma e dichiarato di essere in città per il Palermo: "Sono stato in città - chiarisce Ferrero - perché ho avuto la fortuna di conoscere Pamela Conti e mi sono sentito onorato di vivere al suo fianco un ritorno tra la sua gente. Sarebbe bellissimo diffondere nel mondo l'immagine del calcio palermitano al femminile. Pamela è vero patrimonio sportivo. Mi auguro che chi prenderà in mano il nuovo Palermo possa dare quest'opportunità a Pamela e ai palermitani. Se lo meritano. Da parte mia, il più grande e sincero in bocca al lupo sportivo a tutti".

Per partecipare al bando c'è tempo fino alle 20 del 23 luglio. Dopo la rinuncia di Ferrero, è sempre più testa a testa tra Dario Mirri, direttore generale della Damir, da una parte e Urbano Cairo dall’altra. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento