Targa Florio Regularity, vincono Maurizio Vellano e il palermitano Sebastian Feudale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Come un sogno che si realizza - queste le parole del palermitano appassionato di auto storiche e volto noto del motorismo siciliano Sebastian Feudale, che ci aveva già provato nel 2018, ma le cose non erano andate benissimo, nonostante un importante quarto posto assoluto. Ma si sa, le gare sono sempre una grande incognita e per vincerle, oltre ad essere bravi e disporre di buone vetture serve anche un pizzico di fortuna. Fatto tesoro dell'esperienza della scorsa edizione, quest'anno il grande sogno si è realizzato dopo due intense giornate di lavoro sulle meravigliose prove speciali madonite, affrontate col quaderno delle note fra le mani e al fianco del piemontese della Scuderia Classic Team asd Maurizio Vellano, che ha condotto da vero maestro lungo le sette prove speciali la sua spettacolare Audi 80 Quattro. Sapevamo di aver disputato delle ottime performances, maturate anche grazie al grande feeling instaurato fin da subito, ma abbiamo continuato a impegnarci senza mai pensare a qualsivoglia risultato, anche perchè in gara c'erano diversi campioni della specialità. Emozione sopra emozione, specie alla partenza della prima prova denominata "Tribune", con lo start collocato in quel meraviglioso tempio dei motori qual è Floriopoli (box della Targa Florio di velocità). Arrivato dal Piemonte in splendida, il top driver Maurizio Vellano, dopo sette impegnative prove speciali è riuscito a prevalere sul resto della truppa "rombante" che ha animato le scene della seconda tornata valida per il Campionato italiano di regolarità media Aci-Sport 2019.

Infine, è stato un successo maturato dopo due giornate intense trascorse sulle strade madonite "teatro di battaglie memorabili" della mitica Targa Florio di velocità, mai dimenticata dagli appassionati siciliani e non solo. - Un momento molto bello vincere su queste strade, ha dichiarato Maurizio Vellano... Strade stupende e paesaggi straordinari che hanno visto la grande storia dell'automobilismo ideato da Don Vincenzo Florio nel 1906, anno in cui si disputò la prima edizione della Targa Florio... Sono venuto al Targa dopo la recente vittoria al Sanremo, cercando così di conquistare qualche punto utile anche in Sicilia per il prosieguo del campionato, poi, siamo riusciti ad interpretare bene le prove e siamo stati premiati con la vittoria assoluta che sicuramente mi da uno stimolo in più in vista delle prossime tornate. Voglio ringraziare Sebastian, che ci ha davvero messo anima e corpo per riuscire a far bene nonostante la poca esperienza nella specialità, anche perchè Sebastian, solitamente gareggia nella Classica, disciplina totalmente diversa. Poi, e non ultimo, un grazie va anche ai miei compagni di scuderia Marco Gandino e Danilo Scarcella ed a tutti quelli che ci sono stati vicini in questa avventura.

La prova di Campionato italiano regolarità media ha preso il via dal Museo del Motorismo Siciliano e della Targa Florio di Termini Imerese e quindi affrontato due passaggi su “Tribune” e “Targa” e uno sulle prove “Scillato – Polizzi”, “Geraci” e “Bergi”. Dopo l'arrivo sul belvedere di Termini Imerese, le auto storiche hanno fatto il loro ingresso sulla pedana d'arrivo e poi fatto tappa definitiva nuovamente al Museo di Termini, dove si è svolta la cerimonia di premiazione.

Torna su
PalermoToday è in caricamento