Novità in casa Aci, la scuderia Targa Florio torna a “casa” dopo 13 anni

Così è stato deciso nel corso di un’assemblea che ha eletto presidente della scuderia Angelo Pizzuto, numero uno di Aci Palermo. “Inizia una grande operazione di rilancio”. Michele Miano, socio fondatore, resterà presidente onorario

Da sinistra Angelo Pizzuto e Michele Miano

Dopo 13 anni di attività sportiva e culturale la Scuderia Targa Florio torna nella sua “casa”. Nel corso di una affollata riunione tenutasi nella sede sociale dell’Automobile club di Palermo, l’assemblea dei soci ha trasferito tutti i diritti, le attività, le registrazioni e la sede sociale all’Automobile Club Palermo (fino ad oggi a Catania), eleggendo al contempo Angelo Pizzuto alla carica di presidente della scuderia. Michele Miano, socio fondatore della scuderia, rimarrà presidente onorario per completare le attività in itinere.

“Una operazione attesa da tanti anni dagli sportivi ed appassionati di tutto il mondo. Ora - commenta il presidente dell’Aci Palermo, Angelo Pizzuto - inizia una grande operazione di rilancio della scuderia: pubblicheremo entro fine anno un regolamento di adesione che fornirà ai piloti aderenti benefici esclusivi e sostegno alle attività sportive che si possano coniugare con la promozione della Targa Florio in Italia e nel mondo. Ci concentreremo sulle grandi manifestazioni internazionali, su alcune discipline sportive (rally, regolarità, velocità) con piloti che abbiano un importante curriculum sportivo e che possano diventare i nostri ambasciatori di sport, di cultura e di civiltà”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento