← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Misilmeri, rifiuti abbandonati di giorno e rimestati dai ladri di rame nella notte

Via Giuseppe Longo · Misilmeri

Da mesi un cumulo di rifiuti speciali giace su quest'area a Misilmeri, nella centrale via Longo, di fronte l'ufficio postale. Nonostante i ripetuti solleciti il sindaco Rosalia Stadarelli sembra intendere di non intervenire lasciando che quotidianamente si avvicendino alcuni che scaricano televisori, frigo, mobili ed altri che vengono sia di giorno che di notte a frugare e rompere per recuperare fili di rame e quant'altro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • immaginate tutti questi rifiuti abbandonati sul ciglio delle nostre strade, meglio raccolti in un solo posto, meglio ancora se poi rimossi ogni giorno e trasferiti al centro di raccolta differenziata sulla SP 76; basterebbe poco per essere un paese normale

  • Inconcepibile in pieno centro abitato peraltro adiacente ad un edificio scolastico. Urge provvedere!

  • Effettivamente un sito nato per ricevere nei giorni stabiliti il materiale elettrico /elettronico che ognuno poteva detenere si è trasformato in una discarica, sembrerebbe che tutti gli abitanti di questo paese abbiano cambiato tutti gli elettrodomestici. Non si pensa che fra pochi giorni inizia la scuola e questa via è percorsa da centinaia di mamme che vanno a lasciare e prendere i bambini che frequentano la scuola che sovrasta questo posto. Mah!

  • Piuttosto che autoincensarsi con elogi spropositati per la recente festa di S. Giusto, avrebbe fatto bene a far ripulire la strada ed il sito, da qualche anno consacrato ai rifiuti speciali,per offrire una parvenza di decoro agli occhi dei numerosi "forestieri" che hanno sovraffollato le strade. Ed essendo la via Longo una strada ad intenso traffico veicolare, andava ripulita per benino per non mostrare questo indecente spettacolo alla vista di quanti hanno frequentato il paese in questi ultimi giorni. Sindaca, si dia da fare e faccia rispettare la Legge.

Segnalazioni popolari

Torna su
PalermoToday è in caricamento