Anche Palermo si arrende al fascino di Halloween, tutto quello che c'è da sapere sulla festa

Sebbene in città la festa più sentita sia quella dei "morti" che ricorre il 2 novembre, sono molti i negozi che vendono maschere horror. Intanto le famiglie preparano i biscotti aspettando i bambini che nella notte del 31 ottobre fanno visita per "dolcetto o scherzetto"

Una zucca di Halloween

A Palermo i morti si ricordano con una festa. La Sicilia, insieme al Messico, è l'unico paese al mondo che ancora resiste alla tradizione e celebra i suoi defunti con la festa dei morti, che cade il 2 novembre. Nonostante questo però i palermitani non hanno resistito al fascino di Halloween e, da qualche tempo a questa parte, il 31 ottobre diventa un'occasione ghiottissima per festeggiare in maschera. 

Ogni 31 ottobre, così, negozi e case palermitane si riempiono di zucche, maschere spaventose, streghe e pipistrelli. Questa festa però, così come la conosciamo oggi, nasce negli Stati Uniti nel XX secolo. Lì nella notte a cavallo con l'1 novembre i bambini, ma spesso anche gli adulti, girano di casa in casa mascherati da creature mostruose per il famoso rito del “dolcetto o scherzetto”. Le origini di Halloween però sono antichissime e completamente diverse da come ci sono state tramandate oggi.  

La storia della festa "horror" 

In realtà, Halloween non è una festività importata dagli Stati Uniti, come molti pensano: la sua storia e le sue origini sono tutte europee, più precisamente celtiche. Nel corso della storia, subirà poi moltissime modificazioni, fino a diventare la festa dalle tinte horror che tutti noi conosciamo. 

Halloween viene tradizionalmente collegata alla festa celtica di Samhain, una parola che deriva dall'antico irlandese e significa approssimativamente “fine dell'estate”: i Celti infatti, come molti altri popoli antichi, misuravano il tempo in base alle stagioni e ai cicli del raccolto, e Samhain era la festa che segnava il passaggio dalla fine dell'estate all'inizio dell'inverno e il momento per l’ultimo raccolto prima dell’arrivo della stagione fredda. Per questo motivo Samhain era la festa più importante per i celti e veniva considerata alla stregua del nostro capodanno.

Oltre a rappresentare un importantissimo momento di passaggio, secondo la tradizione celtica durante la notte di Samhain il velo che separa il mondo dei morti da quello dei vivi diveniva talmente sottile da poter essere “attraversato”: i morti potevano così tornare nel mondo dei vivi ed entrare in contatto con essi. La festa di Samhain era quindi anche un momento in cui celebrare ed onorare i propri cari defunti. Infine, fu importata in America grazie alle intense migrazioni irlandesi dell’800 verso gli attuali Stati Uniti, diventando nel tempo l’Halloween che oggi festeggiamo.

La storia di Jack o' lantern

La storia di Jack-o’-lantern: uno dei simboli iconici di Halloween è la zucca intagliata, utilizzatissima come decorazione delle case, ma questa tradizione affonda le sue radici in un’antica leggenda irlandese: quella di Jack-o’-lantern. Secondo la storia, Jack era un fabbro irlandese, che riuscì più volte ad ingannare il diavolo, ma che  alla fine pagò un prezzo altissimo: rifiutato sia dal paradiso che dall’inferno, Jack fu costretto a vagare come un fantasma nel mondo dei vivi per l’eternità. Si dice che durante la notte di Halloween Jack vaghi per le strade alla ricerca di un rifugio e che appendendo una zucca illuminata fuori dalla propria casa, si potrà indicare a Jack che lì non c’è posto per lui. 

Da Halloween alla festa di Ognissanti

Che cosa significa Halloween? Come abbiamo visto, Halloween deriva dall’antica festa pagana di Samhain; con l’avvento del cristianesimo però, questa venne trasformata nel giorno di tutti i santi (noto come Ognissanti): lo stesso nome di Halloween, è legato proprio alla festa di Ognissanti, in quanto deriva da “All Hallow’s Eve”, che in inglese antico significava “vigilia di tutti i santi”.

Zucca, luna piena e dolcetto o scherzetto 

Oltre alla zucca, un altro simbolo di Halloween sono i pipistrelli: durante la festa di Samhain, infatti, i Celti costruivano dei falò per attirare gli insetti e, di conseguenza, i pipistrelli. Ma saranno le superstizioni medievali su questo animale notturno, associato alle streghe e all'oscurità, a trasportarlo nel mito neo-gotico di Halloween, esattamente come per i gatti neri.

Un altra icona della notte di Halloween è la luna piena, ma in realtà è molto raro che questa fase lunare cada proprio il 31 Ottobre: attenzione però, nel 2020 avremo la fortuna di assistere a questa spaventosa combinazione!

Dolcetto o scherzetto (trick or treat) è la formula di rito con cui i bambini, dopo essersi mascherati, si annunciano alla porta dei vicini, reclamando dolci e caramelle. Quest’usanza risale al Medioevo e si rifà alla pratica dell'elemosina: il giorno di Ognissanti, infatti, i mendicanti andavano di porta in porta, ricevendo cibo in cambio di preghiere per i cari defunti.  

I costumi che vengono dai Celti 

Anche i costumi di Halloween provengono da un’usanza tramandata dai Celti: la notte del 31 ottobre, infatti, era dedicata ai sacrifici e, nei tre giorni successivi alla festa, si indossavano pelli di animali morti per esorcizzare e spaventare gli spiriti ritornati sulla terra dalle tenebre.

Gli incantesimi della notte del 31 ottobre

  • Halloween è il momento perfetto per divertirsi con un po' di magia: ecco un gioco divertente, da fare con gli amici, per conoscere il proprio futuro! Dopo aver posizionato tre piattini (uno vuoto, uno pieno di farina e uno pieno d’acqua) uno accanto all’altro sulla tavola, ci si deve bendare, sedere di fronte ai piatti e sceglierne uno, mettendovi dentro il dito: se tocchi l’acqua ti sposerai nell’arco dei 12 mesi a seguire, se tocchi il piatto vuoto avrai un anno di miseria, mentre il piattino con la farina indica ricchezza e felicità!
  • Secondo una tradizione americana, alla vigilia di Halloween potrai scoprire quanto tempo vivrai, sbucciando una mela senza interromperti: più lunga sarà la striscia di buccia, più lunga sarà la tua vita.
  • Vuoi conoscere il volto del tuo futuro marito? Secondo un'antico rituale scozzese, ti basterà  stendere delle lenzuola bagnate davanti a un fuoco la notte di  Halloween!
  • Se nella notte di Halloween indosserai i vestiti al rovescio e camminerai all'indietro, riuscirai a vedere una strega. Hai il coraggio di provare?

COME PREPARARE I BISCOTTI PER HALLOWEEN

COME DECORARE IL GIARDINO PER HALLOWEEN

COME DECORARE LA CASA PER HALLOWEEN

COME FARE LA ZUCCA DI HALLOWEEN

COME DECORARE LA TAVOLA PER HALLOWEEN

I MIGLIORI COSTUMI PER HALLOWEEN

DOVE ANDARE IN VACANZA AD HALLOWEEN

IDEE ORIGINALI PER IL COSTUME DI HALLOWEEN

I LIBRI DA LEGGERE NELLA NOTTE PIU' SPAVENTOSA DELL'ANNO

Dove comprare un costume per Halloween a Palermo 

Sara Giocattoli, via Volturno 33/35 a Palermo 
Dipa Giocattoli, viale Strasburgo 318 a Palermo
Dipa Toys, via Gustavo Roccella 61 a Palermo 
Filippi Lancellotto, corso dei Mille a Palermo 
OVS, via Ruggero Settimo 18 a Palermo 
Disney Store, via Ruggero Settimo 79/81 a Palermo 
H&M, via Ruggero Settimo 14 a Palermo 
Giocheria Leopardi, via Giacomo Leopardi 57-69 a Palermo 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento