Riparte il servizio mensa nelle scuole: "Prodotti di qualità a costi contenuti"

Le tabelle dietetiche e i menù sono stati approvati dalla sezione di Igiene del dipartimento di Igiene e Microbiologia. Il Comune: "Uno dei fiori all’occhiello dell’assessorato alla Scuola"

Lunedi sarà avviata la mensa nelle scuole che hanno presentato la richiesta. L'annuncio arriva dal Comune che definisce il servizio di refezione scolastica "uno dei fiori all’occhiello tra quelli messi a disposizione dall’assessorato alla Scuola, Lavoro, Politiche Giovanili e Salute. Ciò è essenzialmente dovuto all’alta qualità dei pasti serviti ma anche alla cura dei dettagli, che permette di offrire un servizio completo, accurato e a costo contenuto".

Sul portale scuola del Comune si dedica ampio spazio al servizio. L'Amministrazione sottolinea che "tutti i pasti serviti negli asili nido comunali vengono preparati all’interno delle scuole stesse. Le tabelle dietetiche e i menù adottati sono stati approvati dalla sezione di Igiene del dipartimento di Igiene e Microbiologia G. D’Alessandro".

Le attuali tabelle e i menù "tengono conto sia delle raccomandazioni scientifiche in campo pediatrico e nutrizionale fornite dal modello Larn (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia elaborata dalla Società italiana di nutrizione umana e pubblicata nella versione definitiva nel 2014) sia dell’esperienza quotidiana maturata negli asili, legata anche alle tradizioni locali".

Il menù proposto come esempio, differenziato per stagioni, è ispirato al modello mediterraneo. Sono privilegiati alimenti di origine vegetale (cereali, legumi, frutta e verdura), integrati da alimenti di origine animale (carne, pesce, uova e formaggi). Per coprire i fabbisogni del bambino relativamente a tutti i nutrienti, con particolare riferimento ad alcuni macroelementi (calcio, ferro), viene adottata una rotazione settimanale delle varie pietanze. Negli asili è possibile fornire menù diversificati per i bambini affetti da malattie acute o croniche e rispettosi delle differenze religiose.

"I pasti serviti all’interno delle scuole statali - si legge -  sono invece preparati e portati quotidianamente dalla società Cot Ristorazione che garantisce un servizio di qualità certificata e grande professionalità, avvalorate dall’esperienza pluriennale. La cura nella scelta delle materie prime, come quella nella preparazione dei piatti, consentono di servire ogni giorno nelle scuole di Palermo un’ampia varietà di pasti buoni, nutrienti e sani".

Altro aspetto curato è quello della tutela ambientale, "Il servizio di refezione scolastica - si legge sempre sul portale scuola - punta a limitare quanto più possibile la produzione degli scarti con particolare attenzione all’abbattimento del rifiuto indifferenziato. Nell’ultima gara è stato modificato il sistema di confezionamento dei pasti, eliminando i contenitori monoporzione e prevedendo quelli multiporzione, evitando così il confezionamento dei pasti in materiale plastico. Inoltre, le pietanze sono servite sempre in piatti biodegradabili, così come le posate e i bicchieri utilizzati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento