Zen, carabinieri in cattedra contro la violenza di genere: studenti dell'istituto Falcone a lezione

Diversi i temi affrontati dagli stereotipi di genere sui quali si radica la violenza alle attività di prevenzione rivolte anche ai giovanissimi

I carabinieri salgono in cattedra contro la violenza di genere. Questa mattina, alle 11, i militari della Sezione atti persecutori del reparto analisi criminologiche  di Roma hanno incontrato gli studenti dell’istituto comprensivo Giovanni Falcone, allo Zen. Diversi i temi affrontati dagli stereotipi di genere sui quali si radica la violenza alle attività di prevenzione rivolte anche ai giovanissimi per renderli consapevoli della possibilità di chiedere aiuto per sé stessi o per gli altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incontro è il frutto di un accordo tra l’arma dei carabinieri, il ministero dell'Istruzione e il Dipartimento per le Pari opportunità che prevede per l’anno scolastico 2018/2019 conferenze di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere in quaranta istituti scolastici primari e secondari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Coronavirus, la Sicilia si avvicina al "contagio 0": 4 nuovi casi, nessuno nel Palermitano

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento