Cyberbullismo, a Terrasini gli studenti realizzano una brochure per la cittadinanza

Cetty Mannino: "E’ fondamentale che siano loro stessi a prendere coscienza di un utilizzo corretto del web. Solo attraverso l’informazione e la prevenzione è possibile evitare alcuni pericoli”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Informare gli studenti sui pericoli del web, con particolare attenzione al fenomeno del cyberbullismo. E’ questo lo scopo del progetto, realizzato con il contributo dell’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale e il patrocinio del Comune di Terrasini, che ha coinvolto circa 200 alunni delle classi seconde della scuola secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII di Terrasini, guidata dal dirigente Vincenzo Salvia. I giovani sono stati chiamati a realizzare una brochure informativa, sia dal punto di vista grafico che dei contenuti, su quelli che sono i rischi della Rete, il cyberbullismo e la legge 71/17 “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”.

“All’interno del dépliant – afferma Cetty Mannino, esperta in cyberbullismo e realizzatrice del progetto- gli studenti hanno inserito anche un decalogo e un vademecum sui comportamenti da tenere in Rete. E’ fondamentale che siano loro stessi a prendere coscienza di un utilizzo corretto del web. Solo attraverso l’informazione e la prevenzione è possibile evitare alcuni pericoli”. Gli studenti coinvolti direttamente nel progetto diventeranno in questo modo sentinelle attive all’interno della scuola e attraverso un approccio peer to peer informeranno i propri coetanei. L’informazione nei confronti del fenomeno del cyberbullismo continuerà inoltre anche all’esterno della scuola, coinvolgendo la cittadinanza, grazie alla distribuzione della brochure realizzata dagli alunni.

“La nostra scuola – spiega Alberto Cipolla, docente referente per il cyberbullismo- già da qualche anno ha intrapreso un percorso strutturato di lotta al bullismo e soprattutto al cyberbullismo fondato sull’informazione, la formazione, ma soprattutto sull’azione quotidiana e costante di attenzione ai segnali di fragilità e bisogno di ogni singolo studente”. A presentare la brochure alla cittadinanza, ai genitori e ai loro coetanei saranno gli stessi alunni domani (Venerdì, 28 giugno) alle ore 9,30 presso l’istituto Giovanni XXIII.

Torna su
PalermoToday è in caricamento