Rischio renale e cardiovascolare: esami gratis per i dipendenti comunali di Terrasini

Firmato il protocollo d'intesa tra il Comune e l’Associazione siciliana per la prevenzione e la terapia delle nefropatie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Firmato tra il Comune di Terrasini e l’Aspn (Associazione siciliana per la prevenzione e la terapia delle nefropatie) di Palermo il protocollo di intesa per la prevenzione del rischio renale e cardiovascolare dei dipendenti comunali. Un’iniziativa ideata da Silvio Maringhini, presidente del Comitato scientifico dell’Associazione e accolta con favore dall’Amministrazione comunale.

Dopo l’approvazione dell’apposita delibera di Giunta Municipale, oggi il sindaco Giosuè Maniaci e Silvio Maringhini hanno ufficialmente firmato il protocollo  di intesa. La natura delle prestazioni erogate gratuitamente consisterà nell’esecuzione di esami strumentali e consulenze specialistiche effettuate a favore dei dipendenti del Comune di Terrasini e dei loro congiunti, coniuge e figli, al fine della valutazione dei rischi cardiovascolari nel paziente nefropatico. Possono essere effettuati, in parte o in toto, la misurazione della pressione arteriosa, il rilevamento del peso, dell’altezza, delle pliche cutanee, della circonferenza addominale, una valutazione dello stato nutrizionale mediante impedenzometria, elettrocardiogramma, determinazione della “Pulse Waive Velocity” (rigidità vascolare), ECG ed eventuale holter pressorio. 

“La valutazione del rischio – dichiara Maringhini -  è importante alla luce delle recenti rivelazioni che evidenziano come il diabete, l’ipertensione, l’obesità, l’invecchiamento incidano sui costi, sui ricoveri e sulle patologie permanenti tipiche di una popolazione come la nostra. Un recente rapporto del Censis ha evidenziato come la Sicilia sia la Regione più a rischio come condizioni socio - economiche e come stile di vita”. La convenzione ha la durata di un anno.

Torna su
PalermoToday è in caricamento