Giornata mondiale dell'Alzheimer, in Sicilia 55 mila casi: "Regione sblocchi i bandi"

Il dato è emerso nel corso del convegno "le persone oltre la malattia", che si è tenuto a Villabate. Il presidente della struttura sanitaria Karol: "Garantire la migliore qualità di vita del paziente"

"In Sicilia si registrano oltre cinquantacinquemila famiglie alle prese con un paziente malato di Alzheimer, una malattia sempre più aggressiva. Il numero dei casi infatti è in continua crescita, e preoccupa che si è abbassata l'età di aggressione della malattia, che adesso colpisce anche i cinquantenni. L'approccio farmacologico è insufficiente e non porta ad alcuna soluzione di guarigione quindi diventa fondamentale garantire la migliore qualità di vita del paziente e noi, attraverso la struttura "Karol", ci adoperiamo perché questo avvenga". Lo ha detto il presidente della struttura sanitaria "Karol" nell'ambito del convegno "le persone oltre la malattia", che si è tenuto a Villabate. 

Karol RSA, che porta il nome del Papa scomparso Karol Wojtyla, è una struttura all'avanguardia che accoglie i pazienti affetti da sindrome di Alzheimer. "E' necessario- continua Zummo - però che le istituzioni facciano la loro parte, sbloccando per esempio intanto i bandi che garantiscono quelle risorse necessarie perché la sinergia tra pubblico e privato possa essere efficace e determinante nell'assistenza dei malati di Alzheimer". All’incontro hanno partecipato  Rosalinda Scalisi, responsabile sanitario della Karol Rsa, Luciano Sesta, docente di Bioetica all’università di Palermo, Salvatore Russo, direttore  sanitario Asp Palermo, Marcello Giordano, responsabile del centro di riferimento regionale Demenze senili-Alzheimer Asp Palermo, Daniela D’Angelo, consigliere dell’ordine dei Medici di Palermo.

Ogni tre secondi nel mondo una persona sviluppa una forma di demenza, l'Alzheimer è la forma più diffusa. Secondo il "Rapporto mondiale Alzheimer 2018" della Federazione Alzheimer Italia, sono 47 milioni i malati nel mondo, 1.241.000 in Italia. "Sono dati preoccupanti. Si stima che nei prossimi 20 anni, a causa dell'invecchiamento della popolazione, si avrà un aumento dei casi del 50%. Si fa strada nel mondo scientifico, ma anche tra le associazioni di pazienti, il convincimento che per affrontare nel modo migliore questa patologia, è necessario mettere al centro la persona", ha detto il consigliere Daniela D'Angelo, in rappresentanza dell'Ordine dei medici di Palermo guidato da Toti Amato.

Daniela D'angelo ha parlato poi di ricerca: "E' molto indietro in tutto il mondo, nonostante la demenza, a livello sanitario e sociale, rappresenti una delle patologie più rilevanti del ventunesimo secolo. Ad oggi non esiste una cura per il morbo di Alzheimer, solo farmaci che possono rallentare il decorso della malattia, permettendo al malato di mantenere più a lungo le proprie funzioni cognitive. La patologia colpisce zone del cervello che controllano funzioni come il pensiero, la parola, la memoria, arrivando perciò ad impedire a una persona di portare a termine anche le più semplici attività di vita quotidiana. Per questo, ciò che conta davvero in questa malattia, è la presenza costante di amici e familiari. Nella fase più avanzata del morbo, infatti, l'individuo perde la sua autonomia e l'assistenza di persone care è un grande aiuto anche dal punto di vista emotivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento