Intervento di 5 ore per rimuovere un tumore, operazione salvavita alla clinica La Maddalena

I chirurghi del Dipartimento oncologico hanno rimosso un voluminoso cancro primitivo al colon e le estese metastasi che si erano sviluppate nel fegato. La paziente, una donna inglese residente in città, adesso sta bene

La clinica La Maddalena

Doppio intervento chirurgico di salvataggio su una donna affetta da un grosso tumore al colon, con estese metastasi al fegato. L’operazione è stata condotta dai chirurghi del Dipartimento oncologico La Maddalena che simultaneamente, nel corso di un intervento durato circa 5 ore, hanno rimosso sia il tumore primitivo al colon, che le metastasi epatiche. La paziente, a cui erano stati dati pochissimi mesi di vita, è un’inglese di 70 anni che vive da tempo a Palermo. L’intervento, eseguito un paio di mesi fa, è perfettamente riuscito e la donna adesso sta bene, anche se dovrà continuare a sottoporsi a controlli per monitorare il suo stato di salute.

La paziente era in cura da un oncologo di un’altra struttura sanitaria di Palermo. Giunta a La Maddalena per un controllo, come suggerito dallo specialista, le è stato consigliato dai chirurghi un trattamento chemioterapico prima dell’intervento, per ridurre l’estesa massa tumorale. Purtroppo, però, la donna non ha risposto alla terapia e i chirurghi sono stati costretti ad un complesso intervento di salvataggio, con lo scopo di rimuovere contemporaneamente, sia il tumore al colon, che le metastasi al fegato.

“La donna aveva una diagnosi di adenocarcinoma e la malattia era già andata in progressione dopo soli due mesi di trattamento, dunque siamo dovuti intervenire tempestivamente”, ha spiegato il primario dell’Unità operativa complessa di Chirurgia, Pietro Mezzatesta, che ha eseguito l’intervento insieme alla sua équipe composta da Lucio Mandalà, Luigi Casà e Antonio Noto e con il supporto del Servizio di anestesia e rianimazione diretto da Sebastiano Mercadante. “Aveva un’aspettativa di vita molto limitata, inferiore ai tre mesi, anche perché non riusciva più ad alimentarsi – ha aggiunto il chirurgo – . L’abbiamo operata e in un tempo abbiamo rimosso sia il tumore primitivo, che era molto grosso ed occupava buona parte dell’addome della paziente, sia le metastasi epatiche, con un complesso intervento sul fegato che si è concluso senza necessità di ricorrere a trasfusioni. Adesso la paziente sta bene e si può alimentare autonomamente. Con la chirurgia di salvataggio la prospettiva di vita è certamente migliorata senza comprometterne la qualità”.

“Generalmente questi interventi complessi vengono fatti in due step – puntualizza Mezzatesta – . Nel caso della paziente, con un tumore che non rispondeva alla chemioterapia, era necessario intervenire in un unico tempo perché la malattia andava azzerata. Se avessimo fatto due operazioni distinte, il tumore nel frattempo avrebbe preso il sopravvento. Invece, – conclude il chirurgo – abbiamo preferito optare per un intervento di chirurgia di salvataggio, consapevoli delle possibili complicazioni che questo avrebbe potuto comportare prendendo tutte le possibili precauzioni. Ma per fortuna, tutto è andato per il meglio”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Complimenti, la vera eccellenza di Palermo..!! Auguri vivissimi alla signora

  • Complimenti a tutta l'equipe ed auguri alla signora.

  • Questa è la Palermo che amo. Bravissimi ????????????????

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Daita, col Suv contro le auto posteggiate e poi si ribalta: morto il figlio del titolare del bar Renato

  • Cronaca

    La polizia non dorme: "Le pattuglie di tutti gli otto commissariati in giro 24 ore su 24"

  • Cronaca

    "Non ha abusato della figlia", sentenza ribaltata in appello: incubo finito per un padre

  • Cronaca

    Assalto con pistola in via Sammartino, rapinata la sanitaria Vizzini

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

  • Mistero sui binari della metro, macchinista vede cadavere e ferma il treno

Torna su
PalermoToday è in caricamento