Il sindaco tira dritto sulla Ztl di notte: "Ho deciso io, indietro non si torna"

Il primo cittadino fa scudo all'assessore Catania, subissato di critiche dopo l'ok all'atto, e respinge l'appello della sua stessa maggioranza. Avanti Insieme: "Rischio ricorsi, si passi prima da Sala delle Lapidi". Orlando: "Competenza della Giunta, si parte il 10 gennaio"

"Indietro non si torna". Sulla Ztl di notte il sindaco Leoluca Orlando è irremovibile. E di fronte alla richieste di un passaggio a Sala delle Lapidi prima di far scattare il provvedimento, appello proveniente anche dalla sua stessa maggioranza, non arretra di un millimetro: "La materia - dice Orlando a PalermoToday - è competenza della Giunta, ce lo ha confermato anche il segretario generale. Comunque sia ce ne assumiamo tutta la responsabilità". 

Il caos scatenatosi in Consiglio, appresa la notizia dell'ok in Giunta alla delibera che entrerà in vigore il 10 gennaio, non sembra aver scalfito il primo cittadino. Che, adesso, fa da scudo all'assessore alla Mobilità Giusto Catania, subissato di critiche da parte dei consiglieri d'opposizione e inviso anche a "pezzi" di maggioranza (che però non lo dicono esplicitamente). "Sull'estensione della Ztl ai weekend e alle ore notturne ho deciso io, con l'unanimità della Giunta" tuona Orlando, che conferma la data d'avvio e tutto l'impianto della delibera "uscita" dalla Giunta della vigilia di Natale. 

Ztl di notte, avvio in due stepLeoluca Orlando

Parole che non lasciano spazio a nessun rallentamento, come asupicato dal gruppo di maggioranza Avanti insieme. Ovvero i consiglieri più vicini al sindaco, che proprio oggi hanno chiesto al sindaco di portare il tanto discusso provvedimento in Aula. "Rivendichiamo con convinzione - dichiarano Valentina Chinnici, Paolo Caracausi, Massimo Giaconia e Toni Sala - un processo di condivisione con il Consiglio e con la città, nel rispetto delle norme, soprattutto della legge regionale 3 del 2016, che obbligano i Comuni che intendono istituire le Ztl o modificare quelle esistenti, a dotarsi di specifico regolamento che deve essere approvato dal Consiglio che ne ha esclusiva competenza. Ricordiamo inoltre che, per quanto riguarda le nuove pedonalizzazioni, è necessario aggiornare il Pgtu e il piano delle pedonalizzazioni, atti anche questi di competenza del Consiglio". 

Ztl, la Giunta accelera: caos in ConsiglioGruppo Avanti insieme Sala delle Lapidi-2

Una posizione sostenuta nei suoi interventi in punta di diritto anche dal presidente di Sala delle Lapidi, Totò Orlando, componente del gruppo Aventi Insieme, che però non firma il comunicato. Ci pensano gli altri 4 consiglieri del gruppo a ripetere il concetto, chiarendo che non sono contrari né alla Ztl né alle pedonalizzazioni (purché "si attivino le telcamere ai varchi e i mezzi pubblici in alternativa alle auto"), ma che si tratta di una questione di "metodo". "Provvedimenti così incisivi adottati con troppa fretta, oltre ad alimentare tensioni e inceppare l'attività del Consiglio, rischiano di essere vulnerabili al primo ricorso: chiediamo al sindaco di non attuare il provvedimento dell’estensione della Ztl notturna e di rimandarlo a quando tutti i passaggi propedeutici e indispensabili saranno stati rispettati". 

Il sindaco però tira dritto: ribadisce la "competenza della Giunta" e non nutre timori per eventuali ricorsi, vista la "bollinatura" del segretario generale, ad un provvedimento che - conclude Orlando - "verrà firmato dal capo area della Mobilità. Se la Giunta verrà convocata dal Consiglio fornirà tutti i chiarimenti del caso". A Sala delle Lapidi, intanto, le minoranze stanno preparando la contro-delibera: un atto d'iniziativa consiliare che contraddica quello della Giunta, ad esempio introducento divieti nelle concessioni del suolo pubblico; per poi rimettere al segretario comunale la scelta di quale delle due far prevalere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento