Orlando inaugura la maxi isola ecologica e attacca: "Dirigenti Rap responsabili dell'emergenza rifiuti"

Taglio del nastro per il Centro di raccolta comunale di viale dei Picciotti. Pugno duro del sindaco: "La commissione d'indagine trasmetterà i risultati del suo lavoro alla Procura". Rassicurazioni ai netturbini: "Stipendi in pagamento". La città invasa dall'immondizia, Norata: "Fra 15 giorni sarà tutto pulito"

L'inaugurazione del centro di raccolta

Nel bel mezzo dell'emergenza rifiuti, "scoppiata" a ridosso di Natale, apre in viale dei Picciotti il primo Centro comunale di raccolta dei rifiuti. La maxi isola ecologica, che la città attende da anni, è finalmente operativa. A ternela a battesimo, oltre al presidente della Rap Giuseppe Norata, il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore all'Ambiente Sergio Marino. Il primo cittadino, poco prima del taglio del nastro, ha incontrato i dirigenti della Rap. Ed è proprio contro quest'ultimi che Orlando punta il dito: "Sono responsabili in prima persona dell'emergenza in corso. Tra l'altro, alcuni di questi dirigenti sono anche i protagonisti della vergognosa gestione dell'Amia". Il sindaco arriva a tirare in ballo anche il suo predecessore, Diego Cammarata, reo "di un'omessa denuncia per falso in bilancio e truffa che ha impedito un processo all'allora Cda e quindi ai dirigenti".

Cammarata "Orlando mi preoccupa, i dirigenti li ha assunti lui"

Orlando porta le lancette dell'orologio talmente indietro che, quasi, si rischia di perdere il contatto con la realtà. Una realtà fatta di rifiuti disseminati in ogni angolo della città e di periferie letteralmente assediate. A partire da Bonagia, dove si registra la situazione più critica (rifiuti dati alle fiamme) e la raccolta è ormai una chimera, malgrado nel quartiere ci sia il tasso di evasione della Tari più basso della città. Palermo paga lo scotto di una raccolta che si è inceppata per le difficoltà del Comune nell'erogare a Rap i fondi previsti nel contratto di servizio, che a cascata ha ritardato il pagamento di tredicesime e stipendi ai lavoratori. Il sindaco arriva in viale dei Picciotti con una news dell'ultima ora: "Stamattina è partito un mandato di pagamento da 9 milioni a Rap per i salari dei dipendenti. Finalmente lo Stato ha sbloccato i trasferimenti che spettano al Comune" dice Orlando, puntualizzando che "non c'è nessuna emergenza finaziaria: grazie al bilancio consolidato ed al previsionale 2019, approvato in tempi record dalla Giunta, la Rap è stata messa in sicurezza. Ricordo che il Comune ha finora corrisposto all'azienda 149 milioni a fronte dei 121 milioni previsti nel contratto di servizio".

Orlando contro Cammarata: "Non denunciò vergognosa gestione" | Video

Non solo. "E' stata messa in sicurezza - aggiunge il sindaco - la gestione pubblica del servizio dei rifiuti". Un cavallo di battaglia che Orlando tira fuori ogni volta che si verifica un'emergenza: "Se c'è qualcuno che ha un amico interessato alla privatizzazione di Rap, troverà non uno ma mille ostacoli. Se ne faccia una ragione: il servizio non si privatizza. Ribadisco che c'è un deficit organizzativo e non finanziario. E la responsabilità è dei dirigenti". Sarà compito della commissione d'indagine - istituita dallo stesso Orlando - accertare eventuali responsabilità e disfunzioni. Certo è che le dichiarazioni del sindaco "stonano" con quelle fatte ieri in Consiglio comunale da Norata, secondo cui "le responsabilità dell'emergenza vanno ricercate negli uffici finanziari del Comune e la Rap vanta un credito di 55 milioni di euro".  

Norata: "Il Comune deve 55 milioni alla Rap"

"Confermo tutto" taglia corto Norata. E allora dove sta la verità? "La mia e quella del sindaco sono entrambe verità - prova a spiegare -. Vero è che il Comune ci ha dato 149 milioni, ma si tratta di somme che riguardano anche anni precedenti: dal 2016 al 2018. Io mi limito a dire che ci sono delle prestazioni rese dalla Rap che vanno pagate. I ritardi ci sono". E c'è anche un'emergenza che richiede interventi straordinari: "Per ritornare alla normalità - annuncia Norata - ci vorranno dai 10 ai 15 giorni. Ho firmato un ordine di servizio cogente che impone uno straordinario di due ore al giorno per tutti i lavoratori". In soccorso della Rap anche alcune Partecipate comunali come Amap e Coime, che metteranno a disposizione le pale meccaniche per rimuovere l'immondizia accumulata in strada. Altri mezzi verranno presi a noleggio dai privati.

Giaconia (Palermo 2022): "Un centro di raccolta in ogni Circoscrizione"

"Il nostro interesse - sottolinea Norata - è lavorare se c'è qualcuno che vuole ficcare il naso dentro la Rap troverà le porte aperte. Ci può fare solo bene un aiuto dall'esterno". Il riferimento è alla commissione d'indagine che, precisa il sindaco Orlando, "trasmetterà i risultati del suo lavoroalla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti. Invieremo in Procura anche i nominativi di chi abbandona gli ingombranti, magari si scoprirà che c’è qualche affiliato o partente di mafiosi". E a chi solleva dubbi sulla terzietà della commissione - costituita dal segretario generale, dal capo di gabinetto e dal dirigente del settore Partecipate - il primo cittadino risponde così: "Ne rispondo io con la mia faccia, sono io che prendo gli insulti della gente e quindi decido io. E' mancato lo spirito di collaborazione, ora si volta pagina".

Randazzo (M5S): "Isola ecologica non sia cattedrale nel deserto"

Voltare pagina significa non solo rimuovere presunti deficit organizzativi, ma spingere il piede sull'acceleratore della raccolta differenziata. Il centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti va in questa direzione. Il Ccr, che sorge in un'area confiscata alla mafia entrata nel patrimonio del Comune, sarà aperto dal lunedì al sabato, dalle 7 del mattino alle 17. Nella piattaforma i cittadini potranno conferire rifiuti assimilabili a quelli domestici, opportunamente differenziati: dalla carta alla plastica, passando per vetro, legno e umido (che dovrà essere rimosso da Rap entro 36 ore). Previsto anche lo stoccaggio di elettrodomestici, pneaumatici e ingombranti in generale. In base alle quantità conferite il cittadino riceverà uno scontrino con punti che danno diritto ad agevolazioni. "Dobbiamo ancora stabilire il parametro di commutazione dei rifiuti - spiega Norata - il regolamento è ancora in fieri. A fronte dei conferimenti c'è la possibilità di per i cittadini di avere agevolazioni sui biglietti dell'Amat piuttosto che sconti su car e bike sharing o sulle zone blu. Quando entreremo a regime, verrà applicato il regolamento del Consiglio comunale (approvato nel 2013, ndr), che prevede sconti sulla Tari fino al 30%". 

Caracausi (Idv): "Città torni alla normalità"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Concerti di Capodanno, scelti gli artisti: Biondi in piazza Giulio Cesare, i Tinturia al Cep

  • Torna a casa e lo trova in camera da letto: ladro arrestato mentre si cala dalla grondaia

Torna su
PalermoToday è in caricamento