"Avete strade che neppure nel terzo mondo...", lo sconforto del ministro Centinaio a Palermo

Il responsabile delle Politiche agricole, in città per partecipare a un'iniziativa nella sede di Sicindustria, ha criticato lo stato delle infrastrutture dell'Isola: "E' un richiamo che faccio al Governo e quindi a me stesso..."

l responsabile delle Politiche agricole Centinaio a Palermo

"Per attrarre turisti ci vogliono infrastrutture. La Sicilia l'ho girata tutta, qui ci sono strade che neppure nel terzo mondo. Ma occorrono anche interventi sulla rete ferroviaria perché quando ho preso il treno c'era da mettersi le mani nei capelli, e poi ci sono gli aeroporti e i porti siciliani che potrebbero diventare centrali per quanto riguarda i croceristi. Questo è un richiamo che faccio al Governo e, quindi, a me stesso". A dirlo è stato il ministro delle Politiche agricole e del turismo, Gian Marco Centinaio, che oggi è intervenuto al convegno "Infrastrutture e turismo per la crescita della Sicilia" nella sede palermitana di Sicindustria. 

Una dura critica, che arriva a distanza di pochi giorni da quella del collega di governo Toninelli che. nel corso di una visita icn ittà, aveva parlato di "strade da stato di guerra"

ministro centinaio a palermo2-2Parlando dell'Isola e della sua economia, Centinaio ha sottolineato che "la Sicilia dovrebbe puntare sulla diversificazione, sulla  destagionalizzazione che le permetterebbe di vivere di turismo undici mesi all'anno. L'Isola ha delle potenzialità inespresse: il mare, la montagna, l'enogastronomia, la cultura e la storia. E' necessario fare sistema, spendere bene i fondi europei che ci sono e le opportunità che sono in campo". Per l'esponente del governo giallo verde "ci sono tante opportunità che in questo momento la Sicilia non sta cogliendo, perdendo un treno che non passa tutti gli anni". La colpa? "Non è dei siciliani, ma di tutti noi che non facciamo sistema, che non ci promuoviamo nel migliore dei modi e non abbiamo avuto la lungimiranza di capire che altri Stati si sono attrezzati meglio di noi e stanno dando ai turistiquelle risposte che noi non riusciamo a dare. La Sicilia - ha concluso il ministro- è al centro del Mediterraneo, potrebbe diventare l'hub di tutti i croceristi, invece l'hub è la Spagna".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (23)

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    Bugiardi...pettegoli non e' vero niente ...orlando il sindaco lo sa fare.nta .....

  • Avatar anonimo di Ale
    Ale

    Le strade sono fatte x far lavorare i meccanici questa è la verità x andare al forum e allucinante e vergognoso e ollando e la combriccola i soldi se li mangiano e se penso che vuole pure gli immigranti.....così mangia meglio un miracolo ci vuole .....

    • Sì, Ollanno a fato una covvenzzione coni mecanici.

  • Caro Centinaio, certo per attrarre turisti ci vogliono le infrastrtture... ma sai non è che in Sicilia si faccia SOLO questo. Si fa poco di altro, ma NON UNICAMENTE questo. Ed anche i cittadini "non turisti" avrebbero il diritto di spostarsi in condizioni non da Terzo Mondo. O, ALMENO, di spostarsi in condizioni da Terzo Mondo ma pagare imposte da Terzo Mondo; non pagare imposte da paese scandinavo ed avere servizi da Terzo Mondo...ma... aspetta un momento... tu non sei cittadino padano? Non appartieni ad un partito secessionista? Non eri quello che, insieme ai tuoi compagni, volevi abbandonare la Sicilia al proprio destino, e così condannare i siciliani onesti a subire per sempre tasse da Copenaghen e strade da Kabul? O sono io che ricordo male?

    • Lei ha ben centrato il punto. C'è gente contenta di pagare importi "scandinavi", perché così siamo europei...

  • Ma nemmeno al tempo dei Borboni! Hai capito Musumeci? Ha parlato con te, perciò datti da fare e vedi quello che devi combinare, senza perdere tempo, però. 

  • Bravo a parlare .......sono cose sapute e risapute. Attendiamo i fatti.

  • la colpa è anche di noi siciliani a mio avviso

    • Cioè?

  • Devono iniziare a vendere auto 4x4 .

  • La colpa è vostra, sì. Ma tanto non fate niente ugualmente.

  • ancora parole? e i fatti quando?

  • Il movimento dei no non farà nulla.

  • Non mandate soldi a Palermo, perché se li mangiano e non cambia niente!

    • Bravo Francesco.

  • Bravo Sig. Ministro, ottima osservazione! Nel 1861 l'Italia é stata unita ma solo geograficamente e a tutt'oggi siamo due diverse culture e non un popolo, e cioè i polentoni al nord e i terroni al sud, così siamo anche politicamente! Per cui quando il Sig. Ministro tornerà a Roma e visto che le politiche dei governi agevolano preferibilmente imprenditori ed industrie che trovasi per la maggioranza al nord noi terroni continueremo a goderci le nostre strade da terzo mondo e più di 150anni di emigrazione che ci ha regalato l'unità d'Italia! Almenoche qualcuno al governo centrale non ci dimostra che le cose possono cambiare.

    • Ti chiedo di porre attenzione al commento di Francesco, qui sopra. ECCO IL PERCHè DELLA DIFFERENZA FRA "POLENTONI" E "TERRONI". A buon intenditor poche parole...

  • Avatar anonimo di Mir
    Mir

    Fossero  solo le strade...

    • Ed infatti ci sono marciapiedi affetti da dissesto storico da più di 30 anni e forse anche da 40.

    • Infatti Mir, a Palermo oltre ad esserci l'asfalto delle maggior parte delle strade che sembra sia stato bombardato per anni ora cominciano pure i marciapiedi; dissestati, bucati, irregolari, storti...

  • Se ne sono accorti adesso ?

  • Per fare sistema servono forte base politica e cultura. Il nemico è il qui a Palermo da sempre vigente: do ut des. Solo un miracolo questa città potrà cambiarla.

  • Avatar anonimo di Darioh Ammirata
    Darioh Ammirata

    Non può vivere un'isola intera solo di turismo, occorrono anche industrie sopratutto ecosostenibili, per rilanciare l'economia.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'omicidio di via Falsomiele: "Moglie e figli vittime di terrore e violenze"

  • Cronaca

    Piazza Bologni, venditore di rose ferito alla testa da una baby gang: cinque denunce

  • Elezioni

    Saverio Romano pronto a prendere il posto di Orlando: "Mi candido come sindaco"

  • Cronaca

    "Carenze igienico sanitarie e cibo non tracciato": sequestrati 35 chili di alimenti e un laboratorio

I più letti della settimana

  • Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Ex militare ucciso nel sonno da moglie e figli, "Accoltellato con lame da macellai"

  • Incidente a Verona, con la moto contro un Suv: muore palermitano di 23 anni

  • Omicidio in via Falsomiele, uccide il marito a coltellate e poi chiama il 118: "Venite subito"

  • "Ma qua volete stare gratis? Smontate tutto": quando la mafia fa chiudere i ristoranti

  • Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

Torna su
PalermoToday è in caricamento