Roccalumera: "Troppi incidenti sull’autostrada Palermo-Mazara, si intervenga subito"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La pericolosità dell’Autostrada A29, all’altezza tra le due gallerie, già teatro di numerosi incidenti, è al centro di una lettera inviata al Amministratore Delegato ANAS, Ing. Massimo Simonini, da parte del Segretario PD Capaci, Roccalumera Salvatore, che sollecita dei lavori di messa in sicurezza del tratto dell’autostrada. Di seguito, la lettera del Segretario Roccalumera Salvatore: “con la presente missiva, da Segretario del Pd Capaci, ma soprattutto da Cittadino, vorrei portare alla Sua attenzione un problema di assoluta priorità ovvero quello dei numerosi incidenti che si verificano sull’autostrada A29 ed in particolare sul tratto che collega Capaci a Palermo. Alla notizia dei tragici incidenti mi pongo spesso degli interrogativi: quante volte ancora dovrà ripetersi? Quante altre macchine dovranno schiantarsi? Quante altre vittime dovremo piangere? Quante altre volte dovremo dire che la tragedia è stata sfiorata per un soffio? Ai problemi di tipo strutturale, che necessitano di forti investimenti, si aggiunge anche la prassi ormai diffusa di guidare tenendo il telefono in mano e di non rispettare i limiti di velocità.

Pertanto, con queste poche righe vorrei accendere un riflettore sulla questione e soprattutto sollecitare un Suo intervento immediato per cercare di risolvere questo grave problema. Mi permetto di suggerire che, al fine di contrastare l’eccesso di velocità, una soluzione potrebbe essere quella di installare delle apparecchiature tecniche per il rilevamento del superamento del limite di velocità soprattutto prima e dopo le gallerie tra Capaci e Tommaso Natale e delle telecamere che controllino le abitudini di chi guida. Tutto questo è necessario al fine di ridurre i rischi di quel tratto di strada, ma soprattutto per proteggere la vita dei numerosi pendolari che ogni giorno vanno in città o nelle zone periferiche industriali per lavorare, messa a rischio proprio da chi, molto spesso, assume atteggiamenti poco responsabili alla guida". La lettera è stata inviata anche a tutti gli Amministratori del comprensorio al fine di sensibilizzarli al problema.

Torna su
PalermoToday è in caricamento