Forza Italia, Tantillo: "Noi casa dei moderati, più che agli uomini si guardi ai programmi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La casa dei moderati esiste già: si chiama Forza Italia. Abbiamo dimostrato di mantenere la nostra identità, soprattutto in Sicilia, grazie al presidente Micciché che ha traghettato il partito alla vittoria con l’affermazione di Silvio Berlusconi, Giuseppe Milazzo, oltre a Totò Lentini all’Ars. Siamo d’accordo che esistono altri movimenti o partiti a cui guardare per un sano confronto sui programmi, come si fa tra buoni alleati. Ma ribadisco, nessuno si deve sentire ospite in casa altrui, perché siamo due realtà diverse”. A dirlo è il vicepresidente del Consiglio comunale, Giulio Tantillo, in merito alle dichiarazioni di Saverio Romano sulla necessità di un nuovo centro moderato.

"Ringraziamo tutti i candidati - continua Tantillo - che hanno contribuito al successo di Forza Italia in Sicilia. Ricordo che oltre a Saverio Romano, hanno contribuito in maniera significativa anche Dafne Musolino e Cateno De Luca, con un supporto dimostrato di cui non si può non tener conto. Certo, per la costituzione delle liste abbiamo sacrificato una vasta area come quella di Catania, ma penso che il risultato sarebbe stato ugualmente importante".

"Adesso però - conclude il vicepresidente del Consiglio Comunale - si lavori a un progetto futuro con programmi da condividere insieme, per affrontare al meglio le future scadenze elettorali, consapevoli che anche una costruttiva dialettica è utile, se ancorata alla nostra identità moderata".

Torna su
PalermoToday è in caricamento