Nuove regole per l'antimafia, Gaetti: "I testimoni di giustizia avranno dei 'tutor'"

Il sottosegretario all'Interno, Luigi Gaetti, ha visitato la sede dell'Agenzia per i beni confiscati e ha annunciato l'assegnazione di quattro appartamenti alla Prefettura di Palermo

Il sottosegretario all'Interno, Luigi Gaetti, a Palermo

"Siamo qui per capire le criticità sui beni confiscati, stiamo lavorando in maniera molto attenta. Oggi assegneremo quattro appartamenti alla Prefettura di Palermo". Lo ha detto il sottosegretario all'Interno, Luigi Gaetti, per due giorni in città. "Siamo in prima linea - ha sottolineato visitando la sede dell'Agenzia per i beni confiscati - per rilanciare il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia e alla criminalità organizzata: è un valore culturale, etico ed educativo che abbiamo il dovere di compiere con forza. Infatti, la re-immissione nel circuito dell'economia legale degli immobili e delle aziende confiscate alla criminalità organizzata costituisce un segnale positivo per la comunità, di vittoria dello Stato e della legalità".

Gaetti a Palermo: "Creiamo una rete di imprese per aiutare le aziende confiscate" | Video

L'esponente del governo Conte ha spiegato che "a breve ci saranno le norme per il cambio di generalità e sarà semplificata una norma molto complessa. Partiranno i corsi per la formazione dei tutor, in modo che i testimoni di giustizia abbiano una persona di riferimento per quanto riguarda tutti gli adempimenti amministrativi. In questo periodo abbiamo fatto diverse cose, è ovvio che ci sono criticità da sistemare, soprattutto situazioni pregresse legate a una normativa un po' confusa. Stiamo scrivendo i decreti attuativi della legge del 2018
e le norme ponte saranno attualizzate in base alla nuova legge". 

ll sottosegretario ha poi visitato clinica Villa Santa Teresa, a Bagheria. "Il bene confiscato all’ex imprenditore palermitano Michele Aiello condannato per associazione mafiosa nel processo Talpe alla Dda - commenta - oggi utilizzato per finalità mediche è diventato un vero polo d’eccellenza. Lo Stato ha dimostrato che la confisca dei beni alla mafia da parte degli enti pubblici funziona. Lo Stato e tutte le istituzioni che lo rappresentano hanno vinto e questo è l’esempio".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ottimo passo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Ruggero Settimo si trasforma in un ring, quattro universitari aggrediti dal branco

  • Cronaca

    Raddoppio ferroviario, via ai lavori: "Entro il 2025 Palermo-Catania in treno in un'ora e 45 minuti"

  • Cronaca

    Lavori sulla A19, "inferno" di traffico dalla rotonda di via Oreto fino a Bagheria

  • Cronaca

    Auto in fiamme in corso Re Ruggero, traffico in tilt

I più letti della settimana

  • Tragedia al Villaggio, ragazza si suicida lanciandosi dal balcone

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Schiaffo al clan di San Lorenzo, 10 arresti: "Preso anche il re dello spaccio allo Zen"

  • Ragazza va in bagno, poi esce con le vene tagliate: paura in un bar in zona via Libertà

  • Scoperta loggia supersegreta, ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • La mafia di San Lorenzo non perdona, pagano tutti: dal lido di Isola al vivaio e l'Elenka

Torna su
PalermoToday è in caricamento