Finanziaria, Sicilia Democratica: "Una legge per avviare le riforme"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Sicilia Democratica ha svolto un ruolo fondamentale per l'approvazione della Finanziaria, risultando determinante con i sui voti in Aula, considerate anche alcune assenze nelle fila della maggioranza". Lo ha dichiarato Totò Lentini, capogruppo all'Ars di Sicilia Democratica. "Abbiamo confermato - ha aggiunto - la qualità della nostra presenza, con gli emendamenti presentati per assicurare il necessario sostegno a realtà come l'ente sordomuti e con l'accorpamento dell'iridas con l'istituto dei ciechi Florio Salamone. Con le altri parti della maggioranza abbiamo anche condiviso lo sblocco dei concorsi per riaprire ai giovani le porte della pubblica amministrazione nei limiti del 10% dei congedi".

Sul fronte dell'istruzione, Sicilia Democratica ha puntato "sui laureati che devono rimanere a lavorare nell'isola. Per questo, abbiamo pensato anche alle borse lavoro per i giovani che così potranno avere la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro con lo strumento dei tirocini formativi in azienda". Lentini ha anche sottolineato l'intervento nelle società partecipate "a partire da Italia Lavoro, dando fiducia ai suoi dipendenti. Provvisoriamente, i precari saranno inseriti in una long list, un albo dal quale saranno smistati in altre partecipate dove sarà possibile il loro utilizzo in maniera proficua e più stabile".

Per l'agricoltura siciliana, Sicilia Democratica "ha voluto favorire le piccole imprese agricole che attraverso l'Ircac potranno accedere a un credito di esercizio iniziale per portare avanti idee progettuali. Una norma sui precari forestali prevede che possano essere inseriti in un contesto virtuoso: l'attività partirà con la preparazione delle aree boschive attraverso la realizzazione dei parafuochi. L'antincendio prenderà il via a giugno per affrontare in tempo le eventuali emergenze", sottolinea il capogruppo. Ma ci sarà anche la possibilità di impiegare circa "il 20% dei 7000 precari dell'antincendio come operai nella forestale. Saranno costituite squadre che utilizzeranno gli operatori dei consorzi di bonfica, i trattoristi dell'esam e i forestali per fare in modo che in qualsiasi momento in Sicilia si possano fronteggiare le calamità".

Per la scuola, riaperti i termini per la presentazione del bonus: "Pensiamo - dice ancora Lentini - di incrementare i benefici per le famiglie in difficoltà economiche".

E dopo aver approvato la finanziaria, Sicilia democratica adesso discuterà con i propri alleati preparare una manovra al fine di riequilibrare ancora di più i conti regionali. "Tra luglio e agosto - conclude Lentini - dovrebbero arrivare alcuni trasferimenti dello Stato alla Sicilia e dunque si dovranno individuare le priorità. Sicilia democratica, sin dai prossimi giorni, elaborerà inoltre un progetto di legge per dare la possibilità alla Sicilia di avere altre risorse. La compartecipazione alla spesa della Sanità al 49,11% ci ha messo in grosse difficoltà: riteniamo necessario dare un impulso affinché questo tema possa essere affrontato in una prossima conferenza Stato-Regioni, dove far valere le prerogative dello Statuto autonomistico".

Torna su
PalermoToday è in caricamento