Dismissione campo Rom, Sinistra Comune: "Sgombero non interrompa percorso intrapreso”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Negli ultimi mesi il Comune di Palermo, e in particolar modo l’Ufficio 'La casa dei diritti', hanno fatto un lavoro fondamentale per aiutare le famiglie del campo ad uscire da  precarietà e insicurezza. Un impegno che ha permesso di passare da oltre cento presenze a meno della metà, con attenzione e cura alle situazioni giuridiche individuali e individuando percorsi individualizzati di sostegno ed accompagnamento alla fuoriuscita". Lo dicono i consiglieri comunali di Sinistra Comune: Barbara Evola, Katia Orlando, Marcello Susinno e Fausto Melluso per i quali "l'accelerazione sulla chiusura del campo ha determinato la necessità di individuare soluzioni abitative emergenziali per i nuclei ancora presenti". 

Per i consiglieri "E'importante però non interrompere i progetti in corso e che, soprattutto, continui ad essere garantita la possibilità ai minori di frequentare le scuole. Diversi istituti vicini al campo hanno infatti garantito a tutte e tutti gli studenti sostegno nel loro percorso educativo, abbattendo pregiudizi e lavorando per attuare il principio costituzionale di una Scuola inclusiva. Su questi elementi vigileremo".

Torna su
PalermoToday è in caricamento