Biagio Conte in sciopero della fame per Paul, Chinnici: “Sosteniamo la sua battaglia”

Il capogruppo del Pd al consiglio comunale di Palermo: "Governo di Salvini e Di Maio ancora una volta miope di fronte alla realtà e sordo alle richieste di buon senso"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Da alcuni giorni Biagio Conte ha iniziato lo sciopero della fame: lo fa per richiamare l’attenzione delle istituzioni sulla situazione di Paul ma in generale di tutti gli stranieri che ormai da tempo vivono nelle nostre città, hanno imparato un mestiere, si sono integrati e, nel caso di questo ragazzo, aiutano la Missione a occuparsi degli indigenti. Il governo di Salvini e Di Maio ancora una volta si mostra miope di fronte alla realtà e sordo alle richieste di buon senso: bisogna immediatamente voltare pagina, espellere i delinquenti ma integrare chi viene nel nostro Paese solo in cerca di un futuro migliore. Noi siamo vicini a Biagio Conte, sosteniamo le sue battaglie in difesa degli ultimi ma gli chiediamo di fermare lo sciopero della fame: la città ha bisogno di lui, ne hanno bisogno i palermitani e le persone oneste che credono nella speranza di un futuro migliore”. Lo dice il capogruppo del Pd al consiglio comunale di Palermo, Dario Chinnici.

Torna su
PalermoToday è in caricamento