Ecoambiente dal primo giugno lascia Bellolampo: tutti i servizi passano alla Rap

Il Comune di Palermo, con la sua partecipata, ha chiesto e ottenuto di subentrare alla società privata che gestisce i rifiuti dei comuni della provincia. Orlando: "Una scelta strategica per la città"

Dal primo giugno la Ecoambiente non tratterà più i rifiuti dei comuni della provincia a Bellolampo. Il Comune di Palermo, con la sua partecipata Rap, ha chiesto e ottenuto di subentare alla società privata. "Grazie alla collaborazione tra Srr, Città metropolitana e assessorato regionale all’Energia - commentano dalla Rap - e dopo numerose riunioni a cui hanno partecipato l’assessore all’Ambiente Giusto Catania e l’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata, la vicenda si è sbloccata positivamente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'azienda assicura che, nella fase di passaggio da Ecoambiente a Rap, non ci sarà alcuna emergenza rifiuti in provincia. Per i primi tre mesi circa 100 tonnellate di rifiuti al giorno provenienti dai Comuni del Palermitano saranno trattati nell'impianto di Tmb di Bellolampo. Dopo questo breve periodo di transizione, determinato dai tempi di gara per l’acquisizione di un impianto mobile e dalle procedure di fuoriuscita di Ecoambiente, Rap tornerà ad essere l’unico soggetto che opererà nella discarica. "L'azienda - dichiara l'amministratore unico di Rap Giuseppe Norata - dimostra sempre più di prepararsi a diventare in futuro il gestore del ciclo dei rifiuti in tutta la provincia di Palermo, smentendo definitivamente tutti i profeti di sventura”. "Una scelta strategica per la città – affermano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore all’Ambiente Giusto Catania – attraverso la quale si continua a ribadire la volontà di salvaguardare il carattere pubblico dell’intero ciclo dei rifiuti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento