Operai Reset ancora a mezzo servizio, l'Uras attacca il Comune: "Impegni non rispettati"

Il sindacalista Pietro La Torre dopo l'audizione alla commissione consiliare Aziende: "Lavoratori inchiodati alle 34 ore, neanche il 2019 sarà l'anno di svolta di questa società partecipata". Orlando: "Sono state altre amministrazioni a far sparire i soldi per i lavoratori"

Il sindacalista Pietro La Torre

"Rispettare gli accordi sulla Reset" perché "senza un colpo di reni i lavoratori rimarranno inchiodati alle 34 ore, senza inquadramento, senza le altre previsioni economiche e normative del contratto”. Pietro La Torre, segretario generale del sindacato Ursas, dopo l’audizione presso la commissione Partecipate del Comune spiega che "il quadro emerso induce a pensare che allo stato attuale neanche il 2019 sarà l’anno di svolta di questa società partecipata. Eppure la Reset risulta la migliore sia per i servizi resi in via strutturale sia per la miriade d’interventi che il Comune estemporaneamente affida per tappare buchi e le emergenze non diversamente gestibili".

Assieme ai sindacati Alba e Usb, La Torre parla di un quadro di incertezza e di un Comune “che sembra avere rimosso dalla sua memoria gli impegni sottoscritti con le organizzazioni sindacali nel 2014, che dovevano riportare a normalità i rapporti di lavoro nel 2018, anche attraverso l’integrale applicazione del contratto di lavoro Senza fare inutili polemiche ci chiediamo come possa una azienda, il cui cuore sono i servizi che le persone realizzano, dotarsi di una programmazione quando ancora oggi non appare chiaro se il corrispettivo di questo 2018 sarà di 30 o di 33 milioni come si era convenuto".

"Non possono più coesistere nel sistema delle partecipate lavoratori di serie A e lavoratori di serie B - prosegue il sindacalista - gli accordi a suo tempo stipulati hanno da un lato perso efficacia e quindi impongono il ripristino di condizioni di legalità contrattuale. I conti fatti a suo tempo e i discendenti accordi parlavano di circa 40-42 milioni di euro a regime, per il ripristino di una condizione di regolarità contrattuale, ovvero l’implemento di tre milioni di euro per ogni esercizio finanziario a cui andavano ad aggiungersi il risparmio dell’iva, gli esodi incentivati, il transito di lavoratori ad altre partecipate, servizi aggiuntivi e qualificanti anche con la formazione del personale e il regime doveva raggiungersi nel 2018. Poco di tutto ciò è stato fatto".

La Torre ricorda anche di avere provocatoriamente proposto di implementare la Rap di 300 unità lavorative per lo spazzamento senza però risposte. "Certo - conclude - aprire tanti ragionamenti e fiumi di polemiche a volte serve a non trovare soluzione per nessuno. Muovere critiche argomentate e documentate va bene, ma muoverle gratuitamente all’attuale management che pure tra mille difficoltà ha difeso un percorso e una prospettiva tradisce l’ansia o l’aspettativa per un ritorno al passato. Oggi l’unico ritorno al passato è quello della dignità lavorativa di questi lavoratori, a cui subito il Comune deve permettere l’applicazione integrale del contratto loro spettante di diritto". 

E sulla Reset intervengono anche Filcams, Fisascat e Uiltucs: "La notizia dello stanziamento di 31 milioni per Reset, addirittura 2 milioni in meno dell'anno scorso, è assolutamente inaccettabile e denota il livello di inaffidabilità di questa amministrazione". Per i segretari generali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, Monia Cajolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto "Certamente le somme stanziate non basteranno neanche a mantenere le attuali 34 ore settimanali. Non vogliamo più sentirci raccontare che con i contratti di servizio aggiuntivi e con i progetti saranno garantite maggiori risorse. Ormai da anni abbiamo avuto modo di constatare concretamente che si tratta di attività marginali anche dal punto di vista dell'entità economica e comunque rimarrebbero nell'alveo delle attività straordinarie che non possono certo garantire l'incremento delle ore ordinarie di lavoro in termini stabili e l'adeguamento contrattuale. Alla luce di tutto ciò siamo convinti che il buon senso non paga più e che bisognerà assumere le decisioni conseguenti anche attraverso azioni di rivendicazioni dei diritti oggi calpestati". 

La replica di Orlando

"Nell’attuale schema di bilancio - replica il sindaco Leoluca Orlando - sono stanziate le somme previste dal contratto di servizio con la Reset. Non potrebbe essere altrimenti e non è corretto da parte di chiunque parlare di somme diverse. Comprendo bene la  preoccupazione di sindacati e lavoratori - prosegue Orlando - visto che in passato, con la precedente Amministrazione comunale era effettivamente successo che i soldi per quella che era allora la Gesip fossero cancellati dal bilancio. Ma voglio rassicurarli. Così come quei lavoratori e i servizi sono stati salvati creando la Reset dopo il fallimento Gesip, così c'è alcuna intenzione di portare di nuovo le aziende al fallimento. Già quest'anno, in fase di assestamento di bilancio saranno trovate ulteriori risorse, Ma soprattutto si avvierà la necessaria revisione del xontratto di Reset, come di quello di tutte le altre aziende, proprio per evitare che scelte sbagliate sul piano finanziario o sul piano organizzativo possano portare di nuovo ai fallimenti, con la perdita di servizi per la città e di migliaia di posti di lavoro".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento