"Scaro" e ittico, Orlando in pressing sul Consiglio: "Regolamento da approvare rapidamente"

Dopo le polemiche, il sindaco invita Sala delle Lapidi a fare in fretta: "Non è possibile che la discussione si protragga all'infinito, sarebbe un danno enorme per un importante settore economico". Il primo cittadino però non entra nel merito della diatriba sull'ipotesi di apertura ai privati  

Il mercato ittico della Cala

Il sindaco Leoluca Orlando interviene sul regolamento unico dei mercati generali dopo le polemiche nate a Sala delle Lapidi. L'invito del sindaco all'assemblea cittadina è di fare in fretta. "Sul regolamento unico dei mercati generali, come su altri importanti regolamenti per lo sviluppo economico della città, è necessario che il Consiglio comunale individui modalità per una rapida approvazione", afferma il primo cittadino.

Il regolamento che disciplina l'attività del mercato ortofrutticolo e ittico, dopo il via libera della commissione Attività produttive, è stato "stoppato" dalla conferenza dei capigruppo. Che lo sta riscrivendo. Il motivo? L'ipotesi un'apertura ai privati. Tanto che un fronte trasversale, da Giusto Catania (Sinistra Comune) a Giulio Tantillo (Forza Italia), ha rimesso mano agli articoli del regolamento, innescando la reazione della commissione che aveva già emendato la versione originaria proposta dall'amministrazione comunale nel 2013.

I consiglieri Ottavio Zacco, Alessandro Anello e Toni Sala hanno replicato per le rime a Catania e Tantillo, rei di "aver sconfessato il lavoro della commissione Attività produttive" e di "agitare in maniera strumentale lo spauracchio della privatizzazione". Aggiungendo poi che è "troppo facile dire 'no' ai privati e poi non avere i soldi per far funzionare i mercati". Il sindaco Orlando adesso - pur non entrando nel merito della diatriba politica (un'eventuale privatizzazione) - spinge affinché il regolamento sbarchi al più presto in Consiglio: "L'amministrazione - conclude Orlando - ha ormai da anni formulato le proprie proposte, rimettendole alla doverosa valutazione dell'organo consiliare. Non è però possibile che tale valutazione si protragga all'infinito con un danno enorme per importanti settori economici della città".  

Potrebbe interessarti

  • Bagno al mare dopo mangiato, sì che si può fare: tutta la verità sul (falso) mito

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Fare la spesa risparmiando, 10 regole d'oro che i palermitani spreconi dovrebbero seguire

  • Punti neri, l'inestetismo della pelle da combattere: consigli e rimedi (anche fatti in casa)

I più letti della settimana

  • Incidente a Villafrati, scontro frontale auto-camion: morto ragazzo di 22 anni

  • Centro storico, studentessa seguita e poi violentata sotto casa: fermati due bengalesi

  • Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

  • Tragedia in autostrada, bimbo di 9 anni in condizioni disperate: "Ha un gravissimo trauma cranico"

  • E' morto il chirurgo Mezzatesta: "La medicina ha perso un genio"

  • Etnaland, giovane bagherese pestato a sangue dal branco per un paio di ciabatte

Torna su
PalermoToday è in caricamento