Regione, Musumeci ha scelto: ecco i 12 assessori che guideranno la Sicilia

In squadra due donne e dieci uomini. Quattro poltrone a Forza Italia, Miccichè: "C'è molto lavoro da fare, rimbocchiamoci le maniche". Salvini incassa l'esclusione e ironizza: "Noi fuori dalla Giunta? Mi hanno fatto un favore per un certo verso"

Nello Musumeci

La Giunta targata Nello Musumeci è stata definita. Confermate le voci che circolavano già da ieri, con la Lega fuori dall'esecutivo e Forza Italia a farla da padrona.

Alcune deleghe erano già chiare da tempo: Gaetano Armao (Fi) andrà all’Economia e avrà il delicato ruolo di vicepresidente della Regione; Vittorio Sgarbi ai Beni culturali; Roberto Lagalla (Popolari e autonomisti) alla Formazione; Ruggero Razza (Diventerà Bellissima) andrà alla Sanità. Per Forza Italia siederanno in Giunta: Marco Falcone (Infrastrutture); Bernadette Grasso (Funzione pubblica e autonomie locali); Edy Bandiera (Risorse agricole). L'Udc piazza Vincenzo Figuccia (Energia, acqua e rifiuti) e Mimmo Turano (Attività produttive). Per Popolari e autonomisti, Toto Cordaro avrà la delega Territorio e ambiente, Mariella Ippolito quella alla Famiglia e al Lavoro. Anche Fratelli d’Italia ottiene un posto, con Sandro Pappalardo guiderà l’assessorato al Turismo.

La Giunta si riunirà domani per la prima volta e, non appena riceverà dagli uffici di Palazzo dei Normanni la comunicazione dell'avvenuta proclamazione di tutti i deputati eletti da parte delle Corti d'appello provinciali, il governatore indicherà la data della prima seduta dell'Ars.

Bindi: "Alle elezioni regionali sei incandidabili"

La Lega resta quindi fuori dalla Giunta e il leader Matteo Salvini incassa il colpo. "Noi fuori dalla Giunta? Mi hanno fatto un favore per un certo verso - ha detto a Radio Capital - . Fatto salvo il rispetto per Musumeci che stimo e che continuerò a stimare e ad appoggiare nelle scelte che condividerò, se si dimostra di avere preferito il vecchio al nuovo, il nuovo sta alla finestra... Noi all'opposizione? Ci sono nostri parlamentari e consiglieri che decideranno a proposito, senza nessun dramma. Voteremo i provvedimenti che condivideremo, se ci sarà qualche tentativo di ritorno alla Sicilia che vogliamo superare, valuteremo". 

"Dopo quanto accaduto con la Lega estromessa dalla Giunta Musumeci andremo da soli in aula, il nostro deputato Rizzotto farà gruppo a sé. All'Assemblea voteremo le leggi caso per caso.  La Giunta è stata fatta alla vecchia maniera, sono stati dati assessori a Raffaele Lombardo e a Saverio Romano. E' un sistema vecchio, non si è voluto raccogliere il nuovo, rappresentato dalla Lega. La maggioranza di centrodestra non è più di 36 deputati, ma di 35", afferma in modo molto meno diplomatico il coordinatore della Lega-Noi con Salvini, Angelo Attaguile.

Il commissario di Forza Italia in Sicilia Gianfranco Miccichè rivolge invece un incitamento agli assessori su Facebook. "Forza ragazzi - scrive - c'è molto lavoro da fare, rimbocchiamoci le maniche perché ci sono tante risposte da dare ai siciliani. L'impegno che avrete di fronte, come giunta di governo, è enorme: ci sono le sorti di un'intera terra da risollevare dopo cinque difficili anni di declino, ma so che sarete perfettamente in grado di farvi interpreti di una nuova stagione di rinascita. Troverete nella squadra azzurra il sostegno e l'apporto necessario. Forza ragazzi, a lavoro!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento