Soldi alle giovani coppie che fanno figli: la Regione vara un piano per le famiglie

Con il fondo per le politiche della famiglia più di 1,6 milioni di euro per interventi in favore della natalità. Previsti specifici piani di welfare per il reinserimento delle donne nel mondo del lavoro e strumenti di conciliazione. Musumeci: "Così aiutiamo chi ha figli piccoli"

Via libera dalla Regione al piano di riparto del Fondo per le politiche della famiglia per il 2019. A disposizione ci sono un milione e seicentocinquantamila euro per interventi in favore della natalità. "Sono risorse - spiega il governatore Nello Musumeci - che serviranno per imprimere una ripartenza alle politiche per la valorizzazione della famiglia. Viviamo un periodo storico in cui il calo della popolazione sta diventando sempre più preoccupante. Basti pensare che nel solo 2017 in Italia il saldo demografico, la differenza cioè tra nascite e decessi, registra un preoccupante -200mila. Il mio governo, attraverso una politica che aiuti le famiglie e in special modo le giovani coppie con figli in età prescolare e scolare, mette in campo misure per diminuire questa tendenza".

In particolare, verranno avviate iniziative sia per promuovere, nei luoghi di lavoro, specifici piani di welfare aziendale con azioni rivolte al reinserimento delle donne nelle attività lavorative dopo la nascita del bambino, sia per favorire l'uguaglianza in tutti i settori, incluso l'accesso all'occupazione e la conciliazione della vita professionale con la vita privata. Per dare una maggiore spinta al potenziamento delle politiche in favore delle famiglia, la Giunta, su proposta dell’assessore alla Famiglia Antonio Scavone, ha deliberato di proporre un disegno di legge per l’istituzione di un’“Agenzia per la famiglia”.

"Un organismo - spiega l'asessore Scavone - che si occuperà di valorizzare la famiglia come risorsa e che promuoverà, con mirate politiche di sostegno, di sostenere i nuclei familiari attraverso l'erogazione di maggiori servizi". Prevista, infine, l'istituzione, sulla falsariga dell'esperienza maturata in Trentino, del registro dei “Comuni amici della famiglia”. "Servirà - aggiunge Scavone - per monitorare, di concerto con l’assessore alle Autonomie locali Bernardette Grasso, i Comuni siciliani cui verranno corrisposte delle premialità in caso di iscrizione che offrono servizi finalizzati al benessere familiare e che rispondano con efficacia ai bisogni di vita e di lavoro".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

Torna su
PalermoToday è in caricamento