Regionali, Alotta lancia app per dialogare coi cittadini: "Democrazia digitale è grande conquista"

L'applicazione, gratuita, consentirà ai cittadini di segnalare problemi, inviare foto e video. Sarà attiva entro la fine del mese. Il candidato dei "Coraggiosi": "Strumento veloce e interattivo. Funzionerà anche dopo le elezioni"

Salvo Alotta

Un'app mobile che consentirà ai cittadini di segnalare problemi, inviare foto e video, suggerire soluzioni e partecipare attivamente alla vita politica della Sicilia: a lanciarla, a fine mese, sarà Salvo Alotta de "I Coraggiosi", candidato alle prossime elezioni regionali del 5 novembre. 

"Crediamo in una democrazia digitale in cui i cittadini siano protagonisti - dice Alotta - per questo insieme ad alcuni amici abbiamo realizzato quest'app che sarà attiva entro questo mese e che consentirà a tutti un dialogo diretto ed efficace, non solo per le elezioni ma soprattutto per il dopo. Uno strumento al passo con i tempi, veloce e interattivo”.

L'app sarà gratuita, disponibile sia per il sistema Android che per Apple; sarà possibile inoltre seguire la campagna elettorale anche tramite un QR Code. "La democrazia digitale è una grande conquista - conclude Alotta - che consente ai cittadini di vivere in prima persona la politica e l’impegno per il bene comune. Serve il contributo di tutti per offrire alla Sicilia una reale possibilità di cambiamento e di rottura col passato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento