Radicali, arriva la "Carovana per la Giustizia": al via da Palermo il tour nelle carceri

L'iniziativa, organizzata con l'Unione delle Camere Penali, punta a raccogliere le firme sulla proposta di legge per la separazione delle carriere dei magistrati, amnistia e indulto, superamento 41 bis ed ergastolo. Obiettivo 3mila iscritti entro fine anno per tenere in vita il Partito Radicale

La presentazione della "Carovana per la Giustizia" con Rita Bernardini

Nel nome di Marco Pannella, per continuare le sue lotte non violente e ripristinare lo Stato di diritto. Il Partito Radicale è pronto a far ripartire la "Carovana per la Giustizia": a Palermo la prima tappa del tour siciliano, che vedrà impegnati oltre 20 militanti e dirigenti da domani fino al 13 agosto. 

L'iniziativa, organizzata con l'Unione delle Camere Penali, punta a raccogliere le firme sulla proposta di legge per la separazione delle carriere dei magistrati; amnistia e indulto; superamento di "trattamenti crudeli e anacronistici" come il regime del 41 bis e l’ergastolo, a partire da quello ostativo; approvazione dei decreti delegati della riforma dell’ordinamento penitenziario. Ma anche per raggiungere quota 3mila iscritti al Partito Radicale entro il 31 dicembre, pena - è proprio il caso di dirlo - la scomparsa. Un obiettivo da confermare anche nel 2018, come stabilito nella mozione approvata il 3 settembre scorso dal 40° Congresso straordinario del Partito Radicale, convocato dagli iscritti dopo la scomparsa di Marco Pannella.

Nell'Isola, i radicali porteranno quel "vento liberale" che soffia a intermittenza (per non dire di rado) e daranno voce a chi non ne ha: i detenuti. Visiteranno tutte le carceri siciliane (eccetto Favignana), animeranno le piazze con assemblee, comizi, dibattiti e conferenze pubbliche con le Camere Penali territoriali. Democrazia dal basso, per usare un'espressione inflazionata, che si traduce concretamente nella raccolta delle firme per portare avanti le proposte di legge per "una giustizia più giusta". A Palermo il programma prevede domani pomeriggio un evento organizzato dalle Camere Penali e domenica la raccolta firme al carcere di Termini Imerese (ore 11) e all'Ucciardone (ore 15). In serata si replica la conferenza delle Camere Penali a Cefalù. Lunedì invece raccolta firme al carcere Pagliarelli (ore 10).

Alla guida della Carovana radicale ci saranno Rita Bernardini, Sergio D'Elia, Maurizio Turco, Antonio Cerrone, Antonella Casu, Donatella Corleo, Gianmarco Ciccarelli, Maria Antonietta Farina Coscioni, Matteo Angioli, Elisabetta Zamparutti. A Palermo saranno sostenuti da storici attivisti come Gaetano D'Amico e Rossana Tessitore, del comitato "Esistono i diritti", e dal deputato regionale del Pd Pino Apprendi, iscritto al Partito Radicale Transnazionale, già presidente dell'associazione Antigone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento