Guerra agli sporcaccioni, vertice al Comune: "Telecamere nelle aree a rischio discarica"

E' partito ufficialmente il "piano decoro": sì alla manutenzione delle caditoie in vista dell'arrivo delle piogge. Orlando: "Non meritiamo di continuare ad essere criticati per la 'munnizza' per strada. Stiamo investendo molto per una nuova immagine della città"

Discarica in viale Michelangelo

Ripulire Palermo, renderla più accogliente e liberarla dalla sporcizia. E' partito ufficialmente il "piano decoro". Il via è stato dato nel vertice di ieri pomeriggio nell'ufficio del vicesindaco, Fabio Giambrone, coordinato insieme all'assessore Maria Prestigiacomo. Una sorta di summit fra tutti gli uffici e le aziende comunali interessati ad interventi per la pulizia e il decoro della città. Erano presenti le aziende Rap, Reset, Amap, Amg e Sispi, i responsabili degli uffici del Verde, del Coime e della polizia municipale.

"Oggetto dell'incontro - spiegano dal Comune - un'analisi delle criticità legate al decoro e una programmazione a breve-medio termine su diversi fronti e in diverse aree della città. Nel brevissimo tempo, sono stati confermati gli interventi già programmati per spazzamento, diserbo, rifacimento della segnaletica orizzontale e la manutenzione delle caditoie in viale Michelangelo (iniziati ieri e che proseguiranno fino al 29), Tommaso Natale e piazza Rossi (oggi). Nel corso della riunione la Rap ha comunicato l'avvio di una procedura di gara urgente per il noleggio di alcune spazzatrici da impiegare entro pochi giorni in città e contestualmente la stessa azienda ha confermato che da domani le spazzatrici già operative saranno in strada tutti i giorni negli interventi coordinati con le altre aziende".  

Inoltre è stato dato mandato alla Reset, una volta raccolti i dati sulle disponibilità di mezzi e personale di tutte le aziende, di predisporre un piano di intervento quartiere per quartiere, che partirà lunedì 2 settembre e che prevede che ciascuna azienda metta a disposizione di tutte le altre i propri mezzi utili per gli interventi. Contestualmente a questo programma il vicesindaco ha chiesto che siano predisposti dei provvedimenti per singole tipologie d'intervento in tutta la città, come la manutenzione delle caditoie in vista dell'arrivo delle piogge, che dovrà essere coordinata con il piano di spazzamento e lavaggio delle strade.

Per quanto riguarda le scuole (mentre prosegue l'intervento della Reset per la manutenzione degli spazi verdi di tutti i 256 plessi comunali) è stato chiesto a Rap e Amat per le rispettive competenze, di programmare interventi mirati per la pulizia degli spazi esterni e per la verifica della segnaletica orizzontale e verticale. "Amg - si legge in una nota - comunicherà il proprio piano di manutenzione degli impianti di riscaldamento, mentre l'area dell'edilizia scolastica dovrà predisporre il piano di azione di propria competenza".  

Sul fronte della repressione degli illeciti, la polizia municipale ha confermato che saranno impiegate pattuglie in borghese sia in ore diurne sia in ore notturne, in diverse zone della città, con la priorità del contrasto all'abbandono di ingombranti e al trasporto di rifiuti pericolosi, mentre proseguono i passi formali per l'adozione di un piano per sistemare le telecamere nelle aree maggiormente colpite dal fenomeno.

"Una riunione molto positiva" secondo il vicesindaco Giambrone. "Tutti hanno compreso la gravità della situazione sotto il profilo del degrado, dell'immagine e della vivibilità della città - ha continuato -. Ho colto non solo la disponibilità a lavorare, ma anche la comprensione della responsabilità che grava su ognuno. Sono certo che a tale disponibilità e comprensione seguiranno fatti concreti che continuerò a monitorare personalmente continuando ad essere presente dalla mattina alla sera con le diverse squadre in campo".

 "Palermo - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - ha raggiunto risultati straordinari in questi anni e la città intera non merita di continuare ad essere criticata per la 'munnizza' per strada. Stiamo investendo molto per una nuova immagine della città, stiamo creando occasioni di investimento e stiamo promuovendoci sul mercato turistico. Il tutto per creare nuovo lavoro e vivibilità a Palermo. Non è possibile che questi sforzi siano vanificati da un'immagine locale che, onestamente, è ben al di sotto delle aspettative di palermitani e turisti. Dalle aziende, da ogni singolo lavoratore di ogni singola azienda mi aspetto che si facciano parte diligente, che comprendano che la città e l'Amministrazione hanno fatto tanto per garantire il loro lavoro ed è giusto che loro facciano tanto per garantire risultati non più rinviabili".

“La riunione tra il vicesindaco di Palermo Fabio Giambrone, gli uffici e i rappresentanti delle aziende partecipate - ha detto il presidente della commissione Aziende del consiglio comunale di Palermo, Paolo Caracausi (Idv) - sembra aver gettato le basi per affrontare questa lunga emergenza rifiuti: speriamo che ora si passi ai fatti così da rivedere la città pulita, illuminata e sicura. La commissione ha già programmato una visita a Bellolampo per accertare come stiano realmente le cose. È principalmente un problema culturale, ma anche di organizzazione. Chi deve impartire gli ordini ad oggi ha dimostrato di non essere in condizione di farli eseguire. Speriamo vivamente che questa sia la volta buona, anche se non possiamo non sottolineare il fatto che siamo ormai alla fine dell’estate, quando i turisti stanno andando via. Siamo al fianco del sindaco e dell’amministrazione in questo momento difficile - conclude - che ha esposto tutti a forti critiche e lamentele da parte dei cittadini e confidiamo in un cambio di rotta; in caso contrario, saremo costretti a chiedere la rimozione dei vertici delle aziende”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento