Faraone apre le porte del Pd: "Io segretario illegittimo? Rispetto gli organismi del partito"

All'indomani della proclamazione Davide Faraone replica a Teresa Piccione, che si è ritirata dalla competizione. Le primarie? "Avremmo preferito i gazebo, una grande partecipazione al voto per me era motivo di orgoglio. La mia è stata una candidatura controcorrente"

Davide Faraone

"Io un segretario illegittimo? Il tema che riguarda la legittimità e il regolamento competono agli organismi che sono legittimati e credo che sia un modo corretto di interpretare la democrazia al nostro interno. Non compete a me dire se sono legittimato dal punto di vista statutario, ci sono gli organismi che io rispetto". All'indomani della proclamazione a segretario regionale del Pd, tra le polemiche, Davide Faraone replica così a Teresa Piccione. 

Oggi Faraone ha aperto simbolicamente le porte della sede del partito, in via Bentivegna. Un partito dilaniato dalle lotte interne, che si sono acuite dopo il ritiro della candidatura da parte di Teresa Piccione. Le primarie non sono state celebrate, ha deciso la commissione regionale per il congresso, "in presenza di una sola candidatura e di una sola lista collegata". 

Faraone si insedia come segretario ma spunta un ricorso

"Avremmo preferito che questo voto terminasse con le primarie nei gazebo. Il Pd è nato con le primarie e l'idea che potessimo ripartire in maniera determinata con una grande partecipazione al voto per me era motivo di orgoglio" ha detto Faraone, sottolineando che la sua è stata "una candidatura controcorrente: mi sono voluto spendere direttamente. Ci ho creduto dal primo momento, da quando ho rifiutato la logica dei caminetti. Ci avevano proposta un accordo fittizio, in una stanza".

"La politica deve tornare a occuparsi del territorio - ha concluso Faraone - dove si sono mossi i primi passi dell'impegno politico e civile. Questo è un segnale importante. Noi non abbiamo chiesto a nessuno degli esponenti nazionali a supportare la mia campagna nelle primarie. Abbiamo visto in Sicilia Andrea Orlando e Dario Franceschini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento