Agenti di polizia penitenziaria aggrediti all'Ucciardone: “Subito il taser in dotazione”

La richiesta arriva dalla deputata nazionale Carolina Varchi (Fratelli d'Italia)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In merito all’aggressione perpetrata ieri da un detenuto a danno di alcuni agenti della polizia penitenziaria che prestano servizio presso l’istituto Ucciardone di Palermo, si registra l’intervento dell’onorevole Carolina Varchi (Fratelli d’Italia) che, nel mese di agosto, aveva effettuato una visita presso la struttura – intitolata all’agente Calogero Di Bona – su invito di alcuni sindacalisti del Si.P.Pe. “Il carcere Ucciardone – spiega la deputata nazionale – necessita di tempestivi interventi strutturali: il personale di polizia penitenziaria opera in difficili condizioni che talvolta aumentano esponenzialmente i rischi di un lavoro di per sé usurante e pericoloso”. “La mia solidarietà – aggiunge – va agli agenti minacciati e aggrediti”. “Recentemente il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha fatto la sua passerella proprio all’Ucciardone – conclude – ma non è stato ancora assunto alcun provvedimento finalizzato a migliorare le condizioni di lavoro degli agenti: chiederò subito il taser per loro”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento