Caos Bellolampo, arrivano 7 milioni per lo smaltimento del percolato delle vasche dismesse

Giusto Catania, assessore comunale all’Ambiente, ha parlato in quarta commissione all’Ars sulla situazione della discarica palermitana: "La Regione anticiperà i soldi"

“L’audizione parlamentare è stata positiva poiché abbiamo dimostrato, dettagliatamente, le misure attuate dal Comune di Palermo al fine di superare le criticità presenti nel sito di Bellolampo a seguito dell’esaurimento della sesta vasca.”  A parlare è Giusto Catania, assessore all’ambiente del Comune, che ieri ha relazionato in quarta commissione all’ARS sulla situazione di Bellolampo.  

“Abbiamo evidenziato che l’amministrazione comunale di Palermo sta elaborando un piano per la raccolta differenziata in tutta la città, ancora più necessario alla luce del continuo slittamento della realizzazione della settima vasca. Spiace constatare l’assenza dei rappresentanti di Arpa che, cosi come abbiamo evidenziato nel corso dell’audizione, ha dato una rappresentazione sovraddimensionata  della quantità di rifiuti presenti sull’area del TMB. A Bellolampo non c’è alcun disastro ambientale ma c’è una criticità che stiamo affrontando e risolvendo tempestivamente. Abbiamo chiesto ai rappresentati istituzionali di sostenere lo sforzo della città per superare la fase difficile e riteniamo positiva la soluzione avanzata dalla Regione che prevede di anticipare sette milioni di euro, equivalente a circa il 30% dell’accertamento di costi storici sostenuti a Palermo per lo smaltimento del percolato delle vasche dismesse".

"Siamo fiduciosi che vi sarà una proficua collaborazione da parte del Governo e dell’Assemblea Regionale Sicilia – conclude Catania – e confidiamo che tale spirito possa coinvolgere anche gli organi di controllo al fine di superare, con sforzo straordinario, l’attuale fase di difficoltà.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento