Mossa a sorpresa: Monterosso resta segretario generale della Regione

Decisione inaspettata di Crocetta. Il contratto della più potente burocrate siciliana sarebbe scaduto tra 2 settimane, ed è stato prorogato per 5 anni. Rabbia M5S: "Acida ciliegina sulla rancida torta del governo"

Patrizia Monterosso

Mossa a sorpresa: Patrizia Monterosso resta segretario generale della Regione per i prossimi cinque anni. Il contratto della dirigente sarebbe scaduto fra due settimane, il 13 luglio, ma Crocetta oggi ha siglato la proroga. La scelta è stata formalizzata durante una riunione di giunta che si è tenuta nel pomeriggio. Una decisione imprevedibile. Quello che è appena stato prorogato è il contratto della più potente burocrate siciliana. Sì, perché Patrizia Monterosso, è definita plenipotenziaria di Palazzo d'Orleans, e negli anni è stato il braccio destro di Raffaele Lombardo e poi di Rosario Crocetta, con un grande peso politico, oltre che amministrativo.

Non l'ha presa bene il Movimento 5 Stelle, che ha definito la mossa di Crocetta “un'acida ciliegina sulla rancida torta del governo”. Il riferimento è alla condanna definitiva ai danni della Monterosso, da parte della Corte dei Conti, per la questione degli extrabudget concessi agli enti della Formazione professionale.

Velenosi i commenti dei deputati pentastellati all'Ars. Per loro la conferma della Monterosso ai vertici della burocrazia siciliana è "il sigillo su un'esperienza governativa fallimentare e da archiviare nel più breve tempo possibile". “Crocetta - dicono - ha perso l'ultimo autobus della decenza, l'estrema occasione per turare almeno una delle innumerevoli falle della sua inqualificabile amministrazione. Mentre il governo è sordo ed insensibile alle grida di dolore di migliaia di precari, il presidente era affaccendato a risolvere i problemi del super precario d'oro, l'unico evidentemente che gli sta veramente a cuore, tanto da dribblare a cuor leggero la condanna definitiva della Corte dei conti da un milione e 300 mila euro a carico del segretario generale e da orchestrare in sua difesa la strenua difesa all'Ars in occasione della mozione di censura da noi presentata”.

“Crocetta – continuano i parlamentari – la smetta di mostrare i muscoli solo con qualche Pip e con un paio di forestali. Dimostri di essere forte pure, e sopratutto, con i forti, come mai ha saputo fare: con la Monterosso in questo frangente, o col governo Renzi ogni volta che c'è da trattare accordi economici con Roma”. “Ci sarebbe piaciuto – concludono i deputati 5stelle – che Crocetta avesse adoperato la stessa solerzia usata per il rinnovo del contratto col recupero delle somme dovute dalla Monterosso, cosa di cui non sappiamo nulla”.


 

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

  • Sognando la villa con piscina a Mondello, costi e tempi per averne una in giardino

I più letti della settimana

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Turista denuncia sera da incubo alla Vucciria: "Trascinata in auto e palpeggiata"

  • Cantante neomelodico oltraggia Falcone e Borsellino su Rai2: scatta indagine interna

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

Torna su
PalermoToday è in caricamento