Una Sicilia in miniatura al post dell'ex campo rom: "Riqualifichiamo la Favorita"

Ad illustrare la proposta alla Terza commissione del consiglio comunale la Istud Design. Caracausi: "Può essere una valida idea"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un parco artistico-culturale sui monumenti siciliani al posto dell’ex campo rom della Favorita: è questa la proposta avanzata dalla Istud Design e illustrata questa mattina alla Terza commissione del consiglio comunale, presieduta da Paolo Caracausi (Idv). “Il progetto ‘Sicilia in Miniatura’ – dice Caracausi – può essere una valida idea. L’Amministrazione valuti questo come altri progetti per dare nuova vita a un’area che va restituita alla città".

Il progetto in questione prevede la riproduzione in miniatura della Sicilia su sei ettari con monumenti significativi come il Teatro Antico di Taormina, il Teatro Greco di Siracusa, il Duomo di Messina, il Tempio della Concordia di Agrigento, il Castello Ursino di Catania, il Giardino Ibleo di Ragusa, la Cattedrale di Palermo e tanti altri ‘pezzi’ d’arte dell’Isola, tutti descritti con indicazioni in italiano e inglese e con la possibilità di visitare il parco anche di notte, rispettando le norme urbanistiche e ambientali. "Un utile spunto - conclude Caracausi - per animare il dibattito sul futuro della Favorita”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento