Il mistero del parco Disney a Termini, Monterosso smentisce: “Nessuna proposta”

Il segretario generale della Regione conferma la riunione formale con il vice presidente della multinazionale Jay Visconti. "La loro intenzione non era costruire un parco a tema, dopo l'incontro non è stato presentato alcun piano di fattibilità"

Patrizia Monterosso, segretario generale della Regione

Nessuna proposta per la costruzione di un parco a tema, ma solo un incontro esplorativo per un’eventuale collaborazione al quale non è seguito nessuna proposta concreta. Risponde così a PalermoToday il segretario generale della Regione, Patrizia Monterosso, alla polemica lanciata dal candidato sindaco di Termini Imerese del Movimento 5 Stelle Luigi Sunseri su un presunto interessamento della Disney per un investimento da 750 milioni nel territorio termitano. Un’opportunità che secondo il candidato grillino sarebbe stata tenuta “nascosta” dalla Regione che non avrebbe mai informato sindacati, parti sociali e cittadinanza.

Il dirigente regionale conferma che nel febbraio del 2013 effettivamente ha partecipato ad un incontro con Jay Visconti, vice presidente di Disney Media, e Simona Imperial, manager group advertising. “Fui contattata – spiega la Monterosso – da Massimo Cataldo (coordinatore attività internazionalizzazione del comune di Palermo ndr), che mi prospettò la volontà della Disney di tenere un incontro conoscitivo per poter esplorare le possibilità di avviare una collaborazione con la Regione (guarda lettera allegata in basso). Io ovviamente accettai di incontrare i rappresentanti della multinazionale”.

Alla riunione formale – “della quale esiste un verbale”, precisa la Monterosso – parteciparono anche i capi di gabinetto degli assessorati Attività produttive ed Economia. Oltre allo stesso Cataldo e al sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato. “Chiesi subito se c’era l’intenzione di realizzare un parco divertimenti – spiega il segretario generale – ma risposero che non era questa la loro idea. Ci parlarono di festival di animazioni, itinerari crocieristici ed altre iniziative. Io comunque risposi che la Regione sarebbe stata interessata a qualsiasi proposta di collaborazione”.

Ma dopo quell’incontro tutto finì in una bolla di sapone. “Ai rappresentanti della Disney – continua la Monterosso – fu anche detto che eravamo disponibili ad eventuali sopralluoghi per verificare l’idoneità o meno delle aree da loro individuate. Sia nel comune di Palermo che a Termini. Ma in realtà dopo quella riunione, che io sappia, non fu formalizzato alcun piano di fattibilità".

Perchè quest'incontro non fu reso noto? "Il mio compito non è informare la stampa. Soprattutto in un caso dove non c'è nulla di concreto. Assicuro che noi – conclude la Monterosso – saremmo stati interessati ad accogliere eventuali proposte per un investimento di un’azienda così importante nel nostro territorio”.    

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

  • Gerani, i giardini palermitani ne sono pieni: come creare addobbi e segnaposto

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

  • La Casa di carta, mistero svelato: al Politeama spunta la scritta: "Palermo è dei nostri"

  • Beneficiari del reddito di cittadinanza scrivono al sindaco: "Vogliamo pulire lo Zen"

Torna su
PalermoToday è in caricamento