Padre Garau in Comune: "A Palermo periferie abbandonate, se lo sapesse il Papa..."

Il parroco di San Paolo Apostolo a Sala delle Lapidi ha lanciato un appello: "Il Consiglio si impegni a ridare dignità alle periferie". Poi insieme ai volontari dona una maglietta: "Ridateci Borgo Nuovo, la chiesa, la luce, il verde attrezzato, la dignità"

Padre Garau in Consiglio comunale insieme ai volontari

"Cosa direbbe il Papa sapesse che le periferie di Palermo sono abbandonate? Sarebbe uno scandalo per la città e per chi la amministra". Con queste parole padre Antonio Garau, parroco di San Paolo Apostolo a Borgo Nuovo, ha lanciato l'sos periferie. "Non è un problema solo di Borgo Nuovo. Ecco perché ci rivolgiamo a tutto il Consiglio comunale affinché si impegni a ridare dignità alle periferie". Padre Garau, assieme a un gruppo di volontari di Borgo Nuovo, ha consegnato al presidente di Sala delle Lapidi una magliettina con scritto "Ridateci Borgo Nuovo, la chiesa, la luce, il verde attrezzato, la dignità".

Inoltre ha annuciato dal 4 giugno un momento quotidiano di denucia con preghiere e digiuni. "Andremo avanti per tutto giugno. Piazzeremo una tenda all'esterno della chiesa. Inviteremo parrocchie e associazioni da tutta la città". Padre Garau chiede pure l'aiuto delle forze dell'ordine: "La piazza di Borgo Nuovo diventi obiettivo sensibile. La polizia sia presente a tempo pieno - conclude - almeno certi giorni, almeno certe ore".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento