Orlando-Salvini, la saga continua: "Ministro vergognoso, scappa di fronte alla legge"

Il primo cittadino replica al vicepremier, che aveva definito "vergognosa" la sentenza del Tribunale civile di Bologna che ha obbligato il Comune felsineo a iscrivere all'Anagrafe due richiedenti asilo. "L'obbedienza alla Costituzione impone di non escludere nessuno"

"A Bologna i giudici confermano che è illegittimo non iscrivere i migranti all'Anagrafe. Matteo Salvini commenta questa decisione definendola 'vergognosa', ma vergognoso è un ministro dell'Interno che scappa di fronte alla legge". E' l'ennesimo atto dello scontro tra il sindaco Leoluca Orlando e il vicepremier Matteo Salvini. La saga continua dopo che il Tribunale civile di Bologna ha obbligato il Comune felsineo a iscrivere all’Anagrafe due richiedenti asilo. Un precedente identico era avvenuto in Toscana, a Scandicci. Sentenze che sconfessano il decreto Sicurezza che però, a parere dei giudici, sarebbero contrarie a norme di livello superiore.

Orlando prende la palla al balzo e sposta l'attenzione su Palermo: "Abbiamo già avviato oltre 200 pratiche di iscrizione anagrafica perché, come abbiamo sempre sostenuto, l'obbedienza alla Costituzione e alla legge impone di non escludere alcuno. L'unica vergogna in tutta questa vicenda - ha aggiunto il primo cittadino - è quella di chi alimenta quotidianamente violenza, razzismo e xenofobia con esibizioni muscolari a parole per poi fuggire a nascondersi dietro la vergognosa immunità parlamentare votata da una maggioranza sempre più a guida leghista".

Commentando la senteza del Tribunale di Bologba, Salvini ha dichiarato: "E' una sentenza vergognosa, ovviamente presenteremo ricorso. Se qualche giudice vuole fare politica e cambiare le leggi per aiutare gli immigrati, lasci il tribunale e si candidi con la sinistra". Secondo il decreto Sicurezza, il permesso di soggiorno per richiesta di asilo - pur valendo quale documento di riconoscimento - non può essere utilizzato come documento valido per richiedere l’iscrizione anagrafica. Questa potrà essere ottenuta solo presentando un altro documento che dimostri la regolarità del soggiorno in Italia. Per i magistrati però il diritto di soggiornare nel territorio dello Stato va garantito anche durante l’esame della domanda di asilo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • Incidente in moto, morto cuoco palermitano di 36 anni a Padova

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • "Tale e quale show", palermitana stupisce tutti con l'interpretazione di Lady Gaga

Torna su
PalermoToday è in caricamento