Obbligo di firma per i militanti di Anomalia, Gentile (Fdi): “Ma il Comune li ospita gratis”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

I soggetti che oggi sono stati raggiunti da misure cautelari e che risultano tutti appartenenti al centro sociale Anomalia, da più di due anni sono ospitati dal comune di Palermo nei locali di piazza della Pace. L’Amministrazione, che dice di essere dalla parte della legalità e non esita ad utilizzare il pugno duro nei confronti dei commercianti che non rispettano i regolamenti comunali, non è stata altrettanto solerte con gli estremisti di sinistra che utilizzano quotidianamente per le loro attività un immobile comunale.

L’Assessore Giusto Catania si è premurato di smentire qualsiasi ipotesi di sgombero nonostante si tratti di una palese violazione della legge perpetrata da persone che negli ultimi anni sono state protagoniste di diversi scontri con le forze dell’ordine. A seguito dello sconcertante quadro che emerge dalle indagini della procura di Palermo, il Sindaco ha il dovere di restituire questi spazi alla collettività riaprendo la postazione anagrafica di piazza della Pace visto che da febbraio il quartiere Politeama ne è sprovvisto.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento