"No Orlando day", petizione della Lega contro il sindaco: "Città vittima di un potere malsano"

Domenica in città saranno allestiti 11 gazebo, in provincia banchetti a Bagheria, Monreale, Belmonte e Cefalù. L'iniziativa è organizzata dal commissario del Carroccio in Sicilia, Stefano Candiani, dal responsabile enti locali Igor Gelarda. Ecco dove poter firmare

Gelarda e Candiani

"No Orlando day". E' questo il nome dell'iniziativa organizzata della Lega domenica a Palermo e in alcuni Comuni della provincia. Nei gazebo, i cittadini potranno firmare la petizione per chiedere le dimissioni del sindaco. Ad annunciarlo, il commissario della Lega in Sicilia, senatore Stefano Candiani, ed Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali e capogruppo in Consiglio comunale.

Gli iscritti e i sostenitori della Lega si mobiliteranno a Palermo con undici gazebo, ma anche a Monreale, Bagheria, Belmonte Mezzagno e Cefalù per una "raccolta firme contro l’operato del sindaco Leoluca Orlando - dicono Candiani e Gelarda - noto alle cronache più per le polemiche strumentali sollevate ultimante, che per il suo operato a favore dei palermitani. Un sindaco che si permette di andare apertamente contro una legge dello Stato, non è un sindaco rispettoso delle istituzioni e dei suoi cittadini". 

A Palermo, i gazebo saranno aperti domenica dalle 9 alle 13 in piazza Alcide De Gasperi, corso Vittorio Emenuele all'angolo con via Roma, piazza Sant'Antonio, via Maqueda ad angolo con via Napoli, via Lincoln ad angolo con via Nicolò Cervello, piazza Matteo Boiardo, via Libertà ad angolo con piazza Castelnuovo, via Magliocco (via Ruggero Settimo), piazza Santa Cristina a Borgo Nuovo, piazza Marina a Sferracavallo. Sempre domenica, a Bagheria gazebo dalle 9 alle 20 in corso Umberto; a Belmonte Mezzagno dalle 10 alle 13 in piazza Garibaldi; a Cefalù dalle 9 alle 21 in piazza Garibaldi. A Monreale, invece, il gazebo sarà aperto sabato 9 febbraio dalle 16 alle 20 in piazzetta Vaglica.

"Palermo vive da anni una situazione insostenibile e gli effetti negativi sono sotto gli occhi di tutti - dicono Candiani e Gelarda -. Le strade della città sommerse da rifiuti maleodoranti a marcire per giorni sotto le finestre di abitazioni e attività, fotografie desolanti che creano un danno inestimabile per Palermo, che ne esce fortemente ridimensionata nonostante le sue grandi potenzialità. La manutenzione delle strade continua ad essere ignorata dal sindaco, così come ignora i palermitani stessi in coda per le case popolari o per accedere ai contributi comunali". 

"Palermo è in fondo a tutte le classifiche sulla qualità della vita in Italia - aggiungono i rappresentanti leghisti - . Orlando non è il sindaco di Palermo, ma l’ambasciatore dei palermitani nel mondo: una carica che alla città non serve. Palermo merita un primo cittadino che la ami e che la rispetti, che si adoperi per i palermitani. Serve in sostanza una persona che non faccia inutili polemiche televisive per avere un minimo di visibilità, se poi al suo popolo non pensa". Per questi motivi e per tante altre ragioni - concludono Candiani e Gelarda - chiediamo a cittadini di firmare la petizione contro il sindaco Orlando. Un tentativo di riscatto per mandare a casa chi, in tutti questi anni, ha reso la città vittima di un potere malsano. Un modo per dire: Orlando vattene”.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

Torna su
PalermoToday è in caricamento