Mozione di sfiducia al sindaco, Tantillo prova a coalizzare le minoranze: "No a fughe in avanti"

Il capogruppo di Forza Italia punta a irrobustire il fronte di chi vuole sfiduciare il primo cittadino. Il M5S finora ha raccolto 9 firme, ne servono 16 per calendarizzare l'atto e 27 per approvarlo. "Maggioranza in conflitto con se stessa e l'amministrazione continua a trascurare la città"

Giulio Tantillo

"Sulla mozione di sfiducia al sindaco Orlando nessuna fuga in avanti, ma tavolo complessivo delle forze di minoranza". Il capogruppo di Forza Italia, Giulio Tantillo prova a coalizzare le opposizioni e irrobustire il fronte di chi vuole sfiduciare il primo cittadino. "Abbiamo condotto negli ultimi tempi intense e proficue battaglie d'aula - dice - ci riuniremo per discutere delle dinamiche inerenti il contrasto a questa maggioranza e alle eventuali mozioni di sfiducia che come si ricorda sono a norma di regolamento di esclusiva competenza del Consiglio comunale, e non di certo dei Consigli circoscrizionali, e per le quali sono previsti dei quorum specifici per la presentazione, trattazione e approvazione". 

Per depositare ufficialmente la mozione e calendarizzare la discussione in Aula sono necessarie almeno 16 firme, su un totale di 40 consiglieri comunali; mentre per l'approvazione del documento occorrono 27 voti. Nelle scorse settimane il Movimento 5 Stelle ha avviato una mozione di sfiducia, che finora ha raggiunto quota 9 sottoscrizioni.   

"Nell'ultima manovra di assestamento di bilancio - prosegue il vicepresidente di Sala delle Lapidi - si sono palesate tutte le difficoltà di una maggioranza ormai in conflitto con se stessa e di un'amministrazione che non ha cura della città". Quindi la stoccata al sindaco: "Questo secondo mandato di Orlando ha messo in luce tutte le criticità che non vengono affrontate: dalle periferie alla mobilità, per non parlare della mancanza di visione e sviluppo del tessuto economico cittadino, del trasporto pubblico e della raccolta dei rifiuti".

"Emerge con tutta evidenza - conclude Tantillo - che la nostra splendida città, al di la di quella che è la propaganda portata avanti da chi la governa, non brilla in tutte le classifiche per qualità della vita e si caratterizza per l'intensità della pressione fiscale e le tante emergenze irrisolte".

"Esprimo la mia soddisfazione - commenta Fabio Costantino, consigliere di Forza Italia in Settima circoscrizione - perché in seguito alla presentazione della mia mozione di sfiducia depositata in Circoscrizione, intesa come atto politico e non amministrativo, finalmente si è mosso anche il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, che fin ora non era intervenuto sul dibattito sulla mozione di sfiducia presentata dai 5Stelle e già firmata da Fdi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento