Viabilità "fantasma" nel Palermitano, M5S: "Serve un commissario straordinario per avviare i lavori"

I parlamentari regionali del Movimento chiederanno "lo stato di emergenza per avviare entro un anno Interventi su 180 strade provinciali siciliane"

Giancarlo Cancelleri con il ministro Toninelli

“Un commissario straordinario per la viabilità secondaria siciliana e sbloccare in tempi brevissimi interventi su 180 strade provinciali dell’Isola”. E’ il progetto voluto dai parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle,  che il vicepresidente dell’Ars Giancarlo Cancelleri ha illustrato al ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli, oggi in Sicilia. “Tra interventi del Patto per il Sud e quelli dell’accordo di programma – dice - sono disponibili per le strade 290 milioni di euro, fermi perché manca la progettazione. Il modo per velocizzare tutto e fare aprire i cantieri nel giro di un anno è uno solo, chiedere la dichiarazione dello stato di emergenza per l’eccezionale stato di degrado delle strade provinciali e procedere alla nomina di un commissario straordinario, che, in virtù dei suoi poteri speciali, possa bruciare le tappe e fare avviare prestissimo le opere che ormai non sono più rinviabili”.

Sopralluogo di Toninelli sul viadotto Himera: "Basta strade colabrodo, accelerare i lavori"

Per portare in porto l’operazione il M5S ha messo a punto una mozione che impegni il governo a chiedere lo stato di emergenza all’esecutivo centrale in virtù della condizione catastrofica di tantissime strade provinciali siciliane. “La situazione delle strade secondarie siciliane – continua Cancelleri - è un unicum in Italia. Lo stato di emergenza sarebbe pertanto pienamente giustificabile, visto che parecchi Comuni rischiano di rimanere isolati, come già accaduto in passato”.

“La visita del ministro Toninelli  – afferma la capogruppo del M5s all’Ars Valentina Zafarana - è il segno tangibile dell’attenzione che lo Stato ha nei confronti della Sicilia e per le condizioni veramente disastrate della viabilità, che ha bisogno di risposte immediate. È ovvio che le emergenze non si limitano solo al versante occidentale dell’isola, tant’è che il ministro ha programmato a breve una nuova visita ispettiva nella Sicilia orientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento