Sopralluogo di Toninelli sul viadotto Himera: "Basta strade colabrodo, accelerare i lavori"

Il ministro delle Infrastrutture ha visitato il cantiere del viadotto della Palermo-Catania ceduto nel 2015 e poi quelli aperti sulla tratta Palermo-Caltanissetta-Agrigento: "Voglio far sì che si trovino le soluzioni per sbloccare i lavori ancora bloccati"

Il ministro Toninelli visita il cantiere del viadotto Himera

"Non sono accettabili strade colabrodo in Sicilia". Lo ha detto all'Adnkronos il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli parlando dello stato delle strade nell'Isola. Il ministro ha visitato il cantiere del viadotto Himera sull'autostrada Palermo-Catania, tra Buonfornello e Scillato, per poi spostarsi ad Agrigento per un sopralluogo nei cantieri di Arfi e Anas sulla tratta Palermo-Caltanissetta-Agrigento. Ad accompagnare Toninelli alcuni deputati sia regionali sia nazionali M5S come Giancarlo Cancelleri e Adirano Varrica.

"Sono qui per cercare di dare una mano - ha detto - e se non vedo con i miei occhi penso che sia più difficile. Se vedo con i miei occhi troveremo più facilmente le soluzioni. Ma lo Stato è presente in Sicilia e vogliamo esserlo ancora di più, sia con Anas che con Rfi".

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Secondo il ministro "per lungo tempo l'Isola è stata dimenticata dai miei predecessori. Nel passato, quando è andata bene, sono stati inviati i soldi per gli interventi, ma senza una vera pianificazione delle azioni e soprattutto senza i controlli. Vi ricordate, ad esempio, la strada dell'onestà, costruita nel 2015 con le restituzioni dei portavoce del M5S, in seguito al crollo di un viadotto autostradale che collegava Palermo con Catania? Ebbene, la trazzera dell'onestà, che per mesi ha ricucito la Sicilia, è ancora aperta e utilizzata dalla popolazione locale, mentre il viadotto, dopo tre anni, è in costruzione. Lavoriamo senza sosta per ridare ai siciliani infrastrutture dignitose".

Il responsabile dei Trasporti ha sottolineato che la Sicilia è al centro delle priorità dell'esecutivo. "La Sicilia - ha ribadito - è una delle regioni più importanti, quindi è fondamentale che la presenza dello Stato sia concreta. Io oggi sono qui per fare un sopralluogo e ispezionare i tanti cantieri che sono in corso. Voglio vedere lo stato di avanzamento. Sono qui per dare una accelerata ai lavori, voglio far sì che si trovino le soluzioni per sbloccare i lavori ancora bloccati. I siciliani meritano di spostarsi molto più velocemente, quindi migliore mobilità".  

M5S: "Serve un commissario straordinario per avviare i lavori sulle strade provinciali"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento